Perché la curcuma è un alleato della bellezza

Ultimo aggiornamento: 01.11.20

0

 

Dalla cerimonia dell’Haldi, fino ad arrivare al bagno rilassante che migliora la circolazione. Gli usi e i costumi di una delle spezie più apprezzate dell’Asia.

 

Le spezie ricoprono un importante ruolo all’interno della cultura asiatica, soprattutto per quanto riguarda quella indiana. Un esempio pratico potrebbe essere lo Holi festival, in cui il ricoprirsi di polveri colorate simboleggia la purificazione, l’allontanamento degli spiriti negativi e la rinascita.
Proprio per questo si festeggia all’inizio della stagione primaverile, dove i fiori iniziano a sbocciare e il mondo sembra risvegliarsi dal lungo inverno. Tra quelle spezie, lanciate in aria al suono di canti tradizionali, vi è proprio la gialla e luminosa curcuma: quest’ultima non è apprezzata soltanto per il suo colore acceso e ineguagliabile, ma anche per le sue proprietà benefiche per il corpo umano.
La medicina ayurvedica, la “scienza della durata della vita” che deve le sue origini a Brahma, il creatore dell’universo induista, ritiene che questa pianta possa essere considerata quasi magica e in grado di curare un gran numero di malattie.
Ma come si presenta la curcuma? Forse alcuni di voi non lo sapranno, ma si tratta di una meravigliosa pianta dallo stelo lungo e sottile, alla cui cima si trova una corolla dotata di tante piccole tasche, in cui sbocciano dei particolari fiori bianchi, rosa o fucsia.
Data la sua bellezza, è possibile trovarla anche in vaso per la coltivazione in appartamento; tuttavia, ciò che la rende famosa non è l’arbusto in sé, ma ciò che c’è al di sotto della terra: le radici.
Queste ultime possono essere utilizzate fresche, in pasta oppure essiccate e ridotte in polvere, come condimenti all’interno di pietanze a base di verdure, di carne, o miscelate all’acqua, per creare impacchi per la pelle, i capelli e le unghie.

 

La cerimonia dell’Haldi

Partecipare a un matrimonio indiano rientra un po’ nei sogni di tutti i fan dei film di Bollywood o degli appassionati di cultura hindi, non solo poiché i festeggiamenti durano ben tre giorni, ma per l’esplosione di colori e canti tradizionali che circonda i futuri coniugi e gli invitati.
Non a caso, la celebrazione si divide in ben 15 fasi differenti: le più conosciute sono il mehendi, in cui le mani e i piedi della sposa vengono ricoperti di tatuaggi all’hennè, che simboleggiano il legame con la famiglia e l’imminente matrimonio, e quella dell’Haldi, che in hindi significa proprio curcuma.
Questo rito richiede un procedimento molto particolare: le donne invitate intingono dei rametti in una mistura composta da acqua di rose, olio di sandalo e curcuma e la spennellano sui piedi, le mani, le spalle e la fronte della sposa per quattro volte partendo dal basso.
La spezia la fa da protagonista grazie alle sue qualità purificanti e protettrici: è un passaggio inevitabile della cultura indiana, poiché si tratta di una cerimonia per augurare abbondanza e prosperità alla coppia, e si conclude, un po’ come i nostri matrimoni, nel lancio non del bouquet, ma della sposa sulle amiche ancora nubili, che vengono unte dalla mistura a base di curcuma.

Anti-age

Tra le tante proprietà della curcuma, la più conosciuta è sicuramente quella antiossidante e antiaging date dalle curcumine, ovvero gli elementi chimici che donano il colore giallo alla radice.
Tuttavia, non c’è bisogno di acquistare creme e lozioni costose: per attingere ai benefici di questa pianta, è possibile preparare delle semplici maschere in casa partendo dalla spezia in polvere.
In commercio si trovano facilmente numerosi articoli tra cui scegliere, come quello venduto da Sevenhills, uno dei migliori integratori di curcuma che presenta una formulazione molto versatile.
La si può assumere cruda e sciolta in un liquido, oppure da miscelare ad altre polveri dalle proprietà benefiche come la lawsonia inermis, ovvero il classico hennè, oppure l’amla, due piante ampiamente utilizzate in India.
Per eliminare le zampe di gallina potrete unire un cucchiaio di curcuma a un olio essenziale anti invecchiamento, per esempio quello di Argan, e picchiettarlo sul contorno occhi prima di andare a dormire.
Nel caso vogliate preparare una maschera elasticizzante per la pelle, utilizzate del latte di cocco, sciogliete al suo interno un po’ di polvere e applicate sul viso per circa 30 minuti, dopo di che risciacquate abbondantemente con acqua tiepida.

 

Maschera contro l’acne e i punti neri

Oltre all’azione antiossidante, la curcuma è famosa per le sue proprietà antinfiammatorie e calmanti. Se volete contrastare i brufoli e minimizzare le cicatrici causate dall’acne, preparate un composto a base di acqua di rose, olio essenziale di tea tree, che aumenta l’effetto lenitivo, e aggiungete un cucchiaio di curcuma.
Applicate sulla pelle del viso o direttamente sulle zone interessate per almeno 20 minuti, fino a quando la miscela non si sarà indurita.

 

Scrub anticellulite e antismagliature

L’utilizzo della curcuma non si limita solo alla pelle del viso, infatti può essere adoperata anche all’interno di scrub e gommage per le gambe, le braccia e le zone più soggette alla formazione della fastidiosa cellulite.
All’interno di una ciotola inserite del sale grosso, oppure dei fondi di caffè, e aggiungete qualche goccia di oleolito di curcuma. Quest’ultimo può essere facilmente preparato a casa unendo della polvere e dell’olio extravergine d’oliva, lasciandolo macerare al buio per un paio di settimane.
Effettuate dei massaggi circolari, partendo dal basso verso l’alto, così da migliorare la circolazione sanguigna e diminuire il gonfiore causato dalla ritenzione idrica. Ricordate però, che è necessario ripetere il procedimento almeno una volta a settimana, per poter constatare degli effettivi risultati.

Idroterapia

Effettuare di tanto in tanto dei bagni caldi è importante per contrastare i sintomi della cattiva circolazione. Secondo la medicina ayurvedica, questa spezia è in grado di migliorare il flusso sanguigno e, come abbiamo visto, può essere una valida alleata contro la cellulite e le smagliature.
Prima di immergervi, aggiungete un cucchiaio di polvere di curcuma e due di argilla verde nell’acqua, mescolando finché non si sarà sciolta del tutto. Mentre vi rilassate, massaggiate con una spazzola in setole naturali, oppure una dotata di piccoli rilievi in legno, partendo dal basso verso l’alto.
In questo modo non solo agevolerete la circolazione e diminuirete i fastidiosi formicolii, ma aumenterete l’effetto anticellulite dello scrub precedente.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments