Gli 8 migliori integratori di vitamina D

Ultimo aggiornamento: 05.06.20

0

 

Integratori di vitamina D – Guida agli acquisti, Opinioni e Confronti

 

In natura sono pochissimi gli alimenti che possono offrirvi una buona dose di vitamina D, rispettando la richiesta di fabbisogno giornaliero. Si tratta di un micronutriente fondamentale per il nostro organismo poiché è determinante per la crescita e il sostentamento dello scheletro. Ecco il motivo per il quale, nonostante sia già sintetizzata in piccola parte dal nostro corpo, esistono anche integratori che aiutano a raggiungere le quantità suggerite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Se siete giunti fin qui allora vi potrà interessare dare un’occhiata a Nutravita Vitamina D3 1000 IU 365 Gel Capsula, brevettata per un assorbimento rapido. Buona anche Rite-Flex Vitamin D3 2000 IU per supporto osseo: un prodotto ideale soprattutto per celiaci e vegani.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori integratori di vitamina D – Classifica 2020

 

State cercando i migliori integratori di vitamina D del 2020? Allora siete nel posto giusto, perché, seguendoci con la lettura delle righe successive, avrete la possibilità di fare un’analisi tra diverse valide soluzioni che si trovano su Internet.

Le abbiamo scelte a seconda della qualità, del prezzo e di altre caratteristiche evidenziate nelle relative recensioni di ogni prodotto.

 

 

1. Nutravita Vitamina D3 1000 IU 365 Gel Capsula

 

In una sola piccola pasticca è concentrato il dosaggio di vitamina D3 ideale per un adulto che soffre di una particolare carenza o che ha necessità di seguire un trattamento breve. Un solo flacone contiene 365 pillole con rivestimento in gel: si tratta perciò di una soluzione facile da inghiottire, di più veloce assorbimento e in quantità sufficiente per un anno intero.

Le pastiglie sono realizzate con ingredienti puri, quindi l’azienda produttrice assicura la mancanza tra gli ingredienti di sostanze chimiche che potrebbero risultare nocive per l’organismo.

Forse il sapore spiccato, conferito dalla materia prima da cui viene estratta la vitamina D, può non piacere a tutti, perciò questo prodotto non rientra tra quelli che abbracciano il parere di tutti i consumatori.

In ogni caso, il rapporto qualità/prezzo è particolarmente conveniente, anche in virtù della certificazione della Soil Association, che identifica questo integratore come un prodotto biologico e 100% vegetale.

 

Pro

Quantità: In una confezione di questi integratori di vitamina D3 targati Nutravita, c’è la quantità di pastiglie valida per un anno di trattamento, ipotizzando il dosaggio di una compressa al giorno.

Prezzo: In rapporto alla convenienza di questo prodotto in termini di quantità di pasticche softgel, il costo è competitivo, soprattutto se paragonato ad altre soluzioni che si trovano sul mercato.

100% vegetale: Chi segue una dieta vegana o vegetariana, ma ha bisogno di equilibrare la quantità di vitamina D nel proprio organismo, può optare per questa proposta Nutravita, poiché è vegetale e pura, cioè priva di sostanze chimiche.

 

Contro 

Sapore: Non è un prodotto consigliato per chi non ama integratori dal sapore e dal profumo spiccato.

Acquista su Amazon.it (€18,95)

 

 

 

2. Rite-Flex Vitamin D3 2000 IU per supporto osseo

 

Per chi è alla ricerca di una buona scorta che possa durare tutto l’anno e che sia ideale soprattutto per gli adulti e gli anziani, Rite-Flex ha pensato di proporre sul mercato questa confezione di integratori di vitamina D3.

Si tratta di compresse in softgel che, oltre a offrire un assorbimento più rapido una volta introdotte nell’organismo tramite deglutizione, conferiscono una maggiore forza ed energia. Sono insapore e inodore, quindi non vi faranno storcere il naso se non siete amanti degli integratori di origine animale completamente naturali, come quelli prodotti tramite l’olio di pesce.

Tra i punti di debolezza ci sono però il rivestimento delle capsule e la qualità della confezione in vetro: entrambi non sono particolarmente resistenti, perciò dovrete fare attenzione per evitare di farvi del male o di spezzare una pastiglia.

In conclusione, una nota importante: sono integratori privi di lattosio, frutta secca, glutine e mais.

 

Pro

Senza sapore: Si tratta di integratori di vitamina D3 ideali per quanti non amano il gusto o il sapore spiccato del pesce o di altri alimenti di origine animale. 

Anallergici: Grazie all’attenzione dell’azienda produttrice in tutte le fasi di realizzazione, questa confezione di pasticche è priva di sostanze come glutine e lattosio che potrebbero causare crisi allergiche in soggetti più sensibili.

Qualità: Da sottolineare la buona concentrazione di micronutrienti in ogni compressa, oltre che la qualità generale, sottolineata anche dalla convenienza in termini di prezzo e quantità.

 

Contro 

Resistenza: La confezione in vetro e la superficie di ogni integratore non sono particolarmente resistenti, quindi richiedono maggiore attenzione durante la conservazione.

Acquista su Amazon.it (€18,9)

 

 

 

3. Sbr Nutrition Vitamina D3 + K2 gocce Sublinguali 

 

Se siete grandi fan dei prodotti naturali e degli integratori di vitamina D e K2, una delle migliori soluzioni per voi sarà questa targata Sbr Nutrition. Entrambi i principi nutritivi, contenuti in queste gocce sublinguali, sono ricavati grazie a un processo di estrazione a freddo che ne mantiene inalterate le qualità, garantendo quindi delle migliori performance una volta introdotti nell’organismo.

Oltre all’effetto benefico sul sistema immunitario e sullo scheletro, questa soluzione vanta una formula ottimizzata, che unisce in una sola goccia di integratore liquido fino a 1400 IU di vitamine biodisponibili, quindi più facili da assorbire.

Un altro vantaggio è infatti quello di rendere più fluida la digestione, e inoltre è pensato anche per i vegani, oltre che essere privo di additivi, amido e lattosio. Tuttavia, la confezione contiene appena 30 ml di prodotto, perciò se avete in mente di acquistare una variante che duri a lungo, forse dovrete dare un’occhiata ad altre soluzioni anche più economiche.

 

Pro

Naturale: Se non apprezzate particolarmente gli integratori che all’interno hanno anche altri elementi chimici che ne aumentano la durata, allora questo è il prodotto che fa per voi, infatti è ideale anche per i neonati.

Estrazione a freddo: La lavorazione per ottenere la vitamina D pura viene effettuata a freddo, perciò tutte le qualità organolettiche e nutrizionali rimangono invariate.

Biodisponibilità: In virtù dell’attenzione riservata dall’azienda produttrice per questo nuovo integratore, la vitamina D selezionata è altamente biodisponibile, quindi facile da assorbire per l’organismo.

 

Contro 

Quantità: In una confezione ci sono solo 30 ml di liquido, quindi potrebbe durare poco, portando ad acquistarne più di una.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Vitamaze Vitamina D3 gocce altamente dosate 1000 UI 

 

L’integratore di vitamina D, prodotto dalla ditta Vitamaze, è stato pensato soprattutto per coloro i quali faticano a deglutire e assorbire le capsule o le pastiglie, poiché si tratta di un formato liquido.

La formula è una combinazione pura, ovvero priva di metalli pesanti o altri nutrienti e, oltre questo, tra le qualità principali di questo prodotto c’è la facilità di utilizzo, grazie a un tappo dosatore (che tuttavia è poco resistente) e la concentrazione per ogni goccia, che si aggira intorno ai 1000 IU.

Nella boccetta sono contenuti 50 ml di prodotto, quindi è una buona scorta che potrà durare anche più di cinque mesi, a seconda della cadenza con cui avete necessità di assumere l’integratore.

In virtù di un prezzo competitivo, si può affermare che si tratta del prodotto più economico sul mercato, se messo in relazione ad altre proposte dello stesso formato e meno convenienti.

 

Pro

Facile da utilizzare: Non preoccupatevi se non sapete quante gocce di integratore utilizzare, perché questo prodotto, che rientra tra i più venduti online, vanta un tappo dosatore che semplifica il dosaggio.

Quantità: In una boccetta ci sono fino a 50 ml di liquido, perciò si tratta di una confezione che durerà a lungo.

Prezzo: Facendo un’analisi e comparando anche altri prodotti, questo articolo è particolarmente vantaggioso, soprattutto in termini di costo.

 

Contro 

Ritorno di gusto: Chi non apprezza il forte sapore e odore, tipico degli integratori di vitamina D naturali, forse storcerà il naso con l’eventuale ritorno di gusto di questo prodotto.

Acquista su Amazon.it (€16,97)

 

 

 

5. Life120 VitaLife D Blu 100 Softgels

 

I più esperti sanno già che, per capire come scegliere un buon integratore di vitamina D, è necessario considerare anche la quantità di prodotto inclusa nella confezione. In questo caso, il barattolo contiene 100 capsule, ricche del micronutriente altamente biodisponibile e di olio di oliva, che ricopre le pillole in formato gel.

In questo modo aiuta anche a ottimizzare l’assorbimento, grazie al grande vantaggio di cui dispone: è ricco di vitamina E, un potente antiossidante. Ciascuna pastiglia Life 120 vanta 2000 IU, perciò offre un grande aiuto al funzionamento dei meccanismi biologici del nostro organismo, sia nel caso di persone adulte e sia per quanto riguarda i più piccoli e gli adolescenti.

Il produttore è una ditta italiana, quindi la filiera alimentare è relativamente breve in confronto ad altri prodotti provenienti da paesi esteri, ma c’è un punto di debolezza in questo articolo: la qualità della confezione.

Quest’ultima è poco resistente, quindi non sarà difficile che si rompa, se non si presta la dovuta attenzione.

 

Pro

Quantità di capsule: Chi è alla ricerca di un prodotto che duri a lungo sarà interessato a questa soluzione, perché nel barattolo ci sono fino a 100 capsule.

Concentrazione: Ogni pillola vanta una buona concentrazione di vitamina D all’interno. Per l’esattezza, stiamo parlando di 2000 UI, che coprono ampiamente il fabbisogno giornaliero di un adulto.

Formato: Se avete difficoltà a deglutire le normali pastiglie, con questo articolo non dovrete preoccuparvi, perché si tratta di capsule in formato gel che si sciolgono facilmente in bocca.

 

Contro 

Confezione: Il barattolo non è di buona qualità e molto resistente, quindi dovrete fare attenzione a conservare gli integratori nel migliore dei modi.

Acquista su Amazon.it (€16,84)

 

 

 

6. Vitamaze Vitamina B12 Metilcobalamina 1000 µg Senza Stearato Magnesio

 

Un altro prodotto che reputiamo interessante è questo targato Vitamaze, che ha riscosso diversi pareri positivi soprattutto da quanti seguono una dieta vegana o vegetariana. Il costo di una confezione è piuttosto sostenuto quindi, anche se non avete a disposizione un ampio budget, non dovrete svuotare il portafoglio.

In più, uno dei pregi più importanti è la quantità di capsule, che si aggira intorno a 180: ciò significa che avrete a disposizione una scorta che durerà anche per più di tre mesi, oltre che ricca di vitamina D e B12 ad alta biodisponibilità.

L’azienda garantisce l’assenza di OGM o di altri elementi chimici che ne potrebbero modificare gli effetti positivi sull’organismo, sottolineando anche che si tratta di integratori privi di stearato di magnesio. 

Le compresse sono senza film protettivo ma contengono solo 1000 UI, quindi anche se sono facili da deglutire, potreste essere costretti ad assumerne più di una.

 

Pro

Prezzo: Un solo barattolo di questi integratori di vitamina D è molto vantaggioso in termini di costo, infatti è ideale per quanti sono alla ricerca di una soluzione economica ed efficiente.

Purezza: Nella composizione chimica, oltre le vitamine, non sono presenti altri elementi che potrebbero creare qualche fastidio, come nel caso di soia, lattosio oppure OGM.

Doppie vitamine: L’azienda produttrice ha adottato per questo prodotto una duplice soluzione, unendo in un unico integratore la vitamina D e la B12, entrambe estratte in modo da preservare l’alta biodigeribilità.

 

Contro 

Concentrazione: Per ogni compressa sono inclusi solo 1000 UI, quindi una concentrazione che può non essere abbastanza per un adulto.

Acquista su Amazon.it (€16,97)

 

 

 

7. Solgar Natural Vita D3 120 ml

 

Gli integratori di vitamina D Solgar rientrano tra i prodotti a fascia alta ideali per quanti sono alla ricerca di una soluzione di buona qualità, senza badare a spese. Le pastiglie sono 100 e sono contenute in un barattolo di vetro scuro, che permette di conservarle senza preoccuparsi dei raggi del sole.

Questi infatti potrebbero causare un deterioramento delle capsule e quindi anche dei principi attivi dei nutrienti. Se non sapete dove acquistare delle softgel facili da assumere, questa è l’occasione che fa al caso vostro, perché oltre alla semplicità di utilizzo, vantano anche un’assenza di ritorno di gusto.

Le qualità di questi integratori sono perciò essenziali per mantenere le ossa e i denti sani e forti, però bisogna tenere in considerazione, in fase di acquisto, anche che tra gli eccipienti è presente il glicerolo.

Perciò, se siete allergici a questa sostanza chimica, vi suggeriamo di dare un’occhiata ad altre soluzioni.

 

Pro

Barattolo scuro: Per garantire una buona conservazione, permettendo di utilizzare più a lungo gli integratori, l’azienda ha optato per un contenitore delle capsule completamente in vetro scuro.

Senza ritorno di gusto: Nonostante la vitamina D sia estratta da alimenti di origine animale, durante la produzione viene attuata la procedura per eliminare eventuali sapori e odori spiacevoli.

Rapporto qualità/prezzo: Facendo un confronto con altre proposte, questa penultima offerta vanta un buon rapporto qualità/prezzo, dato sia dal valore biologico e nutrizionale, sia da un costo sostenuto.

 

Contro 

Allergie: Se siete allergici o utilizzate farmaci che potrebbero essere influenzati dal glicerolo incluso tra gli eccipienti, allora questo prodotto non farà al caso vostro.

Acquista su Amazon.it (€16,01)

 

 

 

8. Metagenics Vitamina D 2000 UI 84 Cpr

 

Accusate una mancanza di vitamina D e volete optare per una soluzione soddisfacente? Quest’ultimo articolo della nostra lista potrebbe interessarvi, nonostante nella confezione ci siano solo 84 compresse.

Si tratta di un integratore privo di soia, lattosio e di glutine, quindi piuttosto versatile sia per chi soffre di intolleranze, sia per chi accusa dei deficit a causa di allergie a quelle sostanze. Buono il costo, che, se messo in relazione ad altre proposte, può strizzare l’occhio al portafoglio di quanti desiderano una confezione conveniente, senza tralasciare la qualità.

Nella scheda prodotto possiamo però notare che la composizione chimica contiene anche degli edulcoranti, che migliorano il gusto e il sapore, che altrimenti potrebbe essere  spiacevole.

Gli integratori di vitamina D Metagenics sono realizzati in formato di compressa, che però va masticata, aiutando un’assunzione degli elementi nutritivi poco alla volta e dando sollievo a chi non riesce a deglutire.

 

Pro

Digeribilità: Grazie all’attenta selezione e studio effettuato dall’azienda produttrice, questi integratori di vitamina D sono sia più facili da digerire, sia più facili da assumere, perché basterà semplicemente masticarli.

Convenienza: Tra tutti i prodotti venduti online, questo può essere definito uno di quelli piuttosto convenienti e ideali soprattutto per quanti devono seguire una terapia vitaminica di breve termine.

Qualità: Una confezione pratica e integratori senza ritorno di gusto e semplici da utilizzare sono due degli elementi che fanno, di questa proposta, un articolo di buona qualità.

 

Contro 

Edulcoranti: Leggendo attentamente la scheda prodotto si può notare la presenza di alcuni edulcoranti, che servono per eliminare l’odore e il sapore tipicamente spiacevole. Questo però può rivelarsi un punto di debolezza per coloro i quali sono allergici a queste sostanze.

Acquista su Amazon.it (€15,61)

 

 

 

Guida per comprare un integratore di vitamina D

 

Chi è alla ricerca dei migliori integratori di vitamina D, ma non sa quali siano le caratteristiche che rendono un prodotto come questo una soluzione di buona qualità, allora nei successivi paragrafi troverà consigli utili per un acquisto consapevole.

Non è complicato individuare il prodotto più adatto alle vostre esigenze: vi basterà seguirci con la lettura delle righe che seguono.

Due tipi di integratori

Non avere la vitamina D bassa nel proprio organismo significa anche essere meno soggetti a eventuali problematiche della salute: infatti alcuni studi scientifici hanno evidenziato nel corso degli anni una buona percentuale di benefici conferiti da questo micronutriente, tra cui la diminuzione delle probabilità di sviluppare l’osteoporosi e osteomalacia.

La maggior parte degli integratori che si trovano in farmacia o su qualsiasi scaffale del reparto medicinali dei supermercati contengono principalmente la vitamina D3, o colecalciferolo, oppure la D2, chiamata anche ergocalciferolo.

La differenza tra questi due composti che, una volta introdotti nell’organismo, vengono processati grazie al fegato e ai reni, è data essenzialmente dalla materia prima da cui si estraggono.

La prima è la forma più biodisponibile, quindi più semplice da assorbire, e di origine animale, praticamente quella consigliata dalla maggior parte dei medici in caso di carenze importanti. D’altro canto, la vitamina D2 è estratta da alimenti di origine vegetale ed è più difficile da processare, quindi a seconda delle vostre esigenze, scegliete l’integratore migliore.

 

Eccipienti e allergeni

Con una breve comparazione tra i prodotti che si trovano sul mercato ci si può accorgere di un particolare: alcuni integratori non sono completamente puri, ma anzi contengono tra gli ingredienti alcune sostanze che aiutano il processo di assorbimento oppure la conservazione della compressa.

Sfortunatamente, a causa di questa unione di elementi, non è difficile trovare prodotti che causano reazioni allergiche, perciò è necessario fare attenzione alla scheda prodotto e alla lista dei componenti adoperati dalle aziende produttrici.

Alcuni eccipienti che di solito si possono trovare sono la soia, il mais o le noci, ma anche alcune tracce di altra frutta secca a cui molte persone, anche inconsapevolmente, possono essere sensibili.

In più, poiché la vitamina D, qualunque essa sia, riesce a interagire anche con altri farmaci, rendendone l’azione più forte o meno intensa, vi suggeriamo di consultare prima il vostro medico curante, soprattutto se utilizzate medicinali per trattare la psoriasi, o alcuni antiepilettici, antibiotici e così via.

 

In base alla propria dieta

Per ragioni etiche o di salute può arrivare un momento della propria vita in cui si decide di seguire una dieta vegetariana o vegana in maniera rigida, senza dimenticare l’importanza di principi nutritivi, che si possono ottenere solo con un’alimentazione onnivora.

Tra questi rientra anche la vitamina D e più in particolare gli integratori che forniscono una buona dose di questo micronutriente, che, come abbiamo potuto vedere, si può ottenere anche da prodotti al 100% di origine vegetale.

Le offerte di questa tipologia di articoli sono molte, poiché la domanda di questo prodotto è cresciuta sempre di più soprattutto in questi ultimi anni, spingendo i produttori a pubblicizzare integratori simili.

È difficile essere sicuri che il prodotto che si acquista sia completamente estratto da vegetali, quindi vi consigliamo di consumare articoli che vantano la dicitura “vegan”.

 

Modalità di somministrazione

Un altro indizio che può aiutarvi a capire quale integratore di vitamina D comprare è il formato, quindi è fondamentale acquistare un prodotto facile da somministrare e con cui siete a vostro agio.

Per riuscire ad alzare i livelli di questo micronutriente nel sangue, è necessario seguire un trattamento costante e duraturo, a meno che non abbiate altre indicazioni dal vostro medico.

Gli integratori di vitamina D più venduti si possono trovare sotto forma di capsule gel, che facilitano l’assunzione rendendo anche più veloce il processo di assorbimento, grazie a un film di origine vegetale che ricopre la superficie.

Tra le più comuni ci sono la pastiglia, formata da un rivestimento esterno che conferisce un gusto e un sapore migliore, le gocce oppure lo spray orale, pensate soprattutto per chi ha difficoltà a deglutire.

La quantità

Ultimo fattore, ma non meno importante degli altri, è quanto prodotto è contenuto in una sola confezione, ma anche la concentrazione di vitamina D, che però varia a seconda del produttore dell’integratore.

Secondo una scala internazionale, la quantità sufficiente per una lunga assunzione deve essere di minimo 400 UI, ovvero la dose necessaria per un bebè. Quindi, vi consigliamo di orientarvi verso prodotti anche se non a prezzi bassi, che però vi consentono di ottenere dei reali benefici, che a loro volta si traducono in un investimento migliore e più conveniente.

Considerate infatti che una giusta quantità di vitamina D migliora la forza e l’energia, conferendo una forte sensazione di benessere generale, aiutando il sistema immunitario a combattere l’insorgenza di infezioni e abbassando il rischio di progressione di malattie degenerative associate, spesso, all’avanzare dell’età.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve la vitamina D?

Le qualità della vitamina D sono diverse, ma le principali caratteristiche benefiche di questo micronutriente sono legate principalmente alla regolazione del metabolismo del calcio (la cosiddetta calcificazione), quindi al mantenimento di una forte e resistente struttura ossea.

Aiuta anche a mantenere i livelli di fosforo nel sangue nella norma, evitando l’insorgenza di malattie croniche severe, causate da una eventuale deposito di sali minerali in altri tessuti del corpo, tra cui i reni e le arterie.

In più, per rispondere in modo più completo alla domanda “a cosa serve la vitamina D”, questo micronutriente agisce anche rinforzando il sistema immunitario.

 

Quali alimenti sono ricchi di vitamina D?

I cibi che comunemente includiamo nella dieta mediterranea sono buone fonti di vitamina D, nonostante non forniscano sempre il giusto quantitativo, soprattutto nei periodi di minore esposizione al sole.

Tra gli alimenti più ricchi di questo nutriente si trovano il salmone, le sardine, le aringhe e lo sgombro, oltre che il fegato di suino, il latte e lo yogurt interi, le creme a base di uova e i formaggi grassi.

Inoltre, se cercate di sapere quali sono gli alimenti ricchi di vitamina D e di origine vegetale, allora pensate a qualche ricetta con i funghi, che ne rappresentano una buona fonte principale.

 

Quanti integratori di vitamina D assumere al giorno?

Senza nessun controllo dei propri livelli di vitamina D nel sangue non si può pensare di iniziare un dosaggio di integratori a cadenza giornaliera, poiché si rischierebbe di eccedere nelle quantità.

Quindi, il fabbisogno di questo micronutriente può variare da una persona a un’altra anche e soprattutto a seconda di alcuni fattori determinanti come l’età, il peso, la condizione fisica e così via.

In linea generale, alcuni professionisti affermano che una dose corretta di integratori di vitamina D al giorno è di una pastiglia, poiché contiene la quantità di nutriente espressa in milligrammi, necessaria a un buon funzionamento biologico del nostro organismo.

 

Quali sono i sintomi carenza di vitamina D?

Premettendo che una diagnosi corretta può essere fatta solamente da un medico competente, possiamo però delineare alcuni dei sintomi principali tipici di una carenza di vitamina D. 

Innanzitutto, se accusate dolore alle ossa e alle articolazioni oppure disturbi nella masticazione, difficoltà a digerire i pasti e accusate anche un calo della vostra soglia di attenzione, quindi problemi a pensare in modo chiaro, ecco che questi possono essere alcune delle conseguenze di un deficit vitaminico nel nostro organismo.

Tutto ciò può essere dovuto a diversi fattori, tra cui ridotta attività fisica all’aperto e una scarsa alimentazione, ma anche una poca esposizione ai raggi solari.

 

Cosa provoca un eccesso di vitamina D?

L’altro lato della medaglia del consumo di integratori di vitamina D è il rischio di eccedere nelle quantità introdotte nell’organismo, sforando il fabbisogno giornaliero suggerito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Se preso in dosi eccessive, questo principio nutriente è uno dei più tossici, perché può dare origine a diversi problemi gravi, che possono andare da una lieve dissenteria e qualche conato di vomito, fino a mal di testa costante, debolezza muscolare e contrazioni.

Se non si procede a eliminare il superfluo, si potrebbe anche rischiare una mineralizzazione di alcuni tessuti non ossei, quindi anche la formazione di calcoli renali e l’indurimento di vasi sanguigni che passano dal cuore e in altri organi importanti del nostro corpo. 

Il segreto per evitare disagi come questi è di evitare l’utilizzo di integratori, preferendo alimenti dove si trova la vitamina D.

 

 

 

Come utilizzare gli integratori di vitamina D

 

Nonostante, seguendo una dieta sana e uno stile di vita equilibrato, i livelli di micronutrienti nel nostro corpo siano piuttosto soddisfacenti, può capitare di dover assumere il migliore integratore di vitamina D dietro il suggerimento del nostro medico o per migliorare le funzionalità biologiche, soprattutto nel caso di deficit alimentari.

In questi casi sarà necessario conoscere il giusto metodo per il dosaggio e anche come conservare la confezione, evitando che le capsule si rovinino a contatto con l’aria.

Il fabbisogno quotidiano 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, a seguito di numerosi studi e prove scientifiche ottenute grazie ad analisi su pazienti di ogni genere, da diversi anni ha pubblicato uno schema che indica il giusto livello di assunzione media giornaliera sufficiente di nutrienti.

Da questo documento si evince anche che, nel caso della vitamina D, non è possibile stabilire un valore esatto e valido per tutta la popolazione, perché dipende da diversi fattori tra cui, principalmente, il grado di esposizione al sole.

A tal proposito, l’unità di misura internazionale è il cosiddetto AI o IU, in cui 40 IU equivalgono a 1 mg per giorno. In linea generale, se non sapete come assumere la vitamina D, se rientrate nella fascia di età 14/18 anni e 19/50 anni avrete bisogno di 200 IU, mentre la quantità aumenta man mano che si raggiunge la terza età. Quindi avremo 400 IU da 51 a 70 anni e 600 IU da 71 anni in poi.

 

Assumere la vitamina D dagli alimenti

Se vi state chiedendo dove si trova nelle verdure la vitamina D, perché volete evitare di assumere degli integratori o perché seguite una dieta vegana o vegetariana, allora potreste preferire alcune tipologie di funghi.

Questi sono un’ottima fonte vitaminica, che spesso e volentieri fanno parte di un regime nutrizionale completo, unendosi ad altri prodotti animali come il pesce, le uova e il fegato. Volete un esempio di un pasto ricco di questa sostanza? 

Certamente si può optare per un bel piatto di insalata verde, condito con olio e aceto, e che fa da contorno a uno sgombro oppure un salmone grigliato sulla piastra e con delle fette di pane integrale.

Altrettanto interessante può essere preparare una frittata con un paio di cucchiaini di Grana Padano e per finire dei funghi porcini freschi tagliati a losanghe, che fanno anche da contorno.

 

Occhio agli eccessi

La vitamina D è liposolubile, ovvero riesce a essere assorbita grazie alla presenza dei grassi, e, come per tutte le altre appartenenti a questa famiglia, esiste un concreto rischio di tossicità da sovradosaggio.

Quantità elevate di integratori di questo tipo, unite ad altri supplementi di principi nutritivi come quelli per il calcio, aumentano considerevolmente la possibilità di andare incontro a calcoli renali, o nei casi peggiori calcificazioni di tessuti molli come i tendini.

I sintomi principali sono molto comuni: dalla nausea al vomito, dalla costipazione alla debolezza.

Mentre, grazie alle controindicazioni che ci forniscono informazioni sui casi più gravi, sappiamo anche che si potrebbe eccedere talmente tanto da raggiungere una condizione tale in cui si sviluppano aritmie cardiache o altri problemi psicologici, come apatia e stato confusionale.

Quando si tratta della propria salute non ci si può improvvisare medici o nutrizionisti, per questo motivo, per evitare una carenza di vitamina D dovrete innanzitutto chiedere a un esperto ed essere certi di seguire uno stile di vita sano con una dieta regolare ed equilibrata.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments