Domande frequenti sugli integratori di omega 3

Ultimo aggiornamento: 30.01.23

 

A cosa servono gli omega 3?

Gli effetti benefici degli omega 3 sul nostro organismo sono dovuti principalmente alla sinergia con altri micronutrienti facilmente sintetizzati nel nostro corpo, che insieme permettono di prevenire le malattie cardiovascolari, fornendo ulteriore energia senza il rischio che si sviluppino ictus e infarti.

Ma se, oltre alle loro qualità principali, vi state chiedendo anche cosa sono gli omega 3, sappiate che si tratta di acidi grassi, che in più consentono di abbassare i propri livelli di colesterolo cattivo.

Ci teniamo a specificare però che è fondamentale unire all’assunzione di questi integratori una dieta equilibrata e uno stile di vita sano.

 

Quanti omega 3 assumere al giorno?

Dipende innanzitutto dalla dose giornaliera consigliata dal vostro medico di famiglia o dal nutrizionista, perché a seconda della posologia e di altri fattori come l’età ed eventuali allergie o intolleranze, che richiedono l’assunzione di altri medicinali, la quantità può variare.

Stesso discorso va fatto se non si sa anche per quanto tempo assumere gli omega 3, visto che è bene valutare gli aspetti positivi ma anche quelli negativi. Chi non apprezza gli integratori e non sa dove si trovino le sostanze di cui stiamo parlando, può ottenerli attraverso un’alimentazione ricca di pesce azzurro, integrandolo almeno una volta a settimana.

In ogni caso, la dose raccomandata è di 250 mg, ma vi suggeriamo in ogni caso di chiedere consiglio a uno specialista.

 

Prendere gli integratori di omega 3 fa ingrassare?

Al di là di quali possano essere le informazioni che si leggono su Internet, non esiste alcun principio attivo o alimento che riesce a bruciare letteralmente i grassi facendovi dimagrire. 

Allo stesso tempo, questi acidi grassi essenziali impediscono un funzionamento errato dei processi biologici dell’organismo, favorendo invece l’attivazione dei recettori di alcuni ormoni come la leptina, responsabili della sensazione di sazietà.

In quest’ottica, se non sapete a cosa servono gli omega 3 ed evitate di assumerli per paura di ingrassare, non preoccupatevi, perché gli unici eventuali effetti collaterali sono fastidi gastrici, stipsi oppure dissenteria ed eruttazioni.

Quali sono i sintomi di una carenza di omega 3?

Per prima cosa, quando si accusa una carenza di omega 3 e quindi si ha difficoltà a sintetizzarla autonomamente, si può notare che la pelle tende a seccarsi facilmente, le unghie sono più deboli e i capelli più fragili.

A livello cerebrale, se percepite un deficit dell’attenzione o iperattività, potrebbero essere indici del fatto che forse è arrivato il momento di assumere degli integratori adatti.

Allo stesso modo, se soffrite di problemi al cuore o all’umore, come ansia e irritabilità, ma anche nel caso di depressione improvvisa, in diversi momenti della giornata, che arriva senza una motivazione valida.

 

Cosa provoca un’eccessiva assunzione di omega 3?

I problemi legati a un accumulo sconsiderato di omega 3 nel sangue possono essere inizialmente lievi, manifestandosi come bruciore allo stomaco, eruttazione, qualche disagio gastrointestinale e anche difficoltà a digerire gli alimenti.

Poi, più la concentrazione aumenta e maggiori sono i rischi di sviluppare gravi patologie che possono debilitare l’intero sistema biologico del nostro organismo, ma questo solo in casi estremi.

Sarà allora necessario chiedere informazioni a un nutrizionista, facendosi seguire in tutta la terapia, anche perché questi acidi grassi potrebbero entrare in contrasto con altri medicinali, causando un rallentamento dell’eventuale guarigione, soprattutto nel caso di farmaci antiemorragici. 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI