Come usare un integratore di magnesio

Ultimo aggiornamento: 30.01.23

 

Nella sezione seguente, abbiamo pensato di rispondere ad alcune domande che riteniamo siano fondamentali a darvi una maggiore conoscenza di questo tipo di prodotto.

 

Consultare il medico

Prima dell’acquisto di un integratore suggeriamo di sottoporsi a un controllo medico, che stabilirà se vi è un’effettiva carenza del minerale oppure no. I sintomi di uno scarso apporto di magnesio, sono comuni a molte patologie ed è possibile che, senza delle specifiche analisi, questi possano essere confusi, col rischio di effettuare una cura che potrebbe rivelarsi inutile o sbagliata. 

Dunque, niente può sostituire il parere di uno specialista, che saprà inoltre consigliarvi la tipologia di prodotto più adatta alle vostre esigenze. Tra i tanti medicinali da banco è possibile scegliere numerose alternative e, come avrete notato, esistono vari tipi di integratori a base di tale minerale. 

È probabile che vi siate chiesti quali siano le differenze e a cosa serva il magnesio supremo, piuttosto che uno contenente acido pidolato. Il nome di questo prodotto non è altro che un marchio registrato di una famosa casa farmaceutica italiana, e il suo scopo è simile a qualsiasi altro integratore contenente tale elemento. 

Si tratta precisamente del magnesio carbonato che, legato a un atomo di acido citrico e sciolto in acqua, si trasforma in citrato. Questo tipo di formulazione serve a migliorarne l’assorbimento, rendendolo molto utile in caso di eccessiva stanchezza e affaticamento.

 

I benefici

I motivi per assumere uno di questi complementi alimentari sono molteplici, e tutti legati a dei disturbi del sistema nervoso o muscolare.

Tuttavia, viene impiegato con notevoli risultati anche in presenza di malattie del tratto gastrointestinale, ma sempre correlate a un periodo di forte stress, come per esempio la diarrea dovuta a uno stato emotivo ansioso.

Non è possibile stabilire con certezza dopo quanto tempo si vedano i benefici del magnesio, ma è possibile che questi si possano manifestare dopo poche settimane, se la carenza constatata non sia molto elevata. 

Per riscontrare degli effetti positivi però, è necessario che l’assunzione sia regolare e svolta con criterio e nelle giuste dosi. Se desiderate sapere quale integratore di magnesio comprare, vi invitiamo a leggere la nostra tabella comparativa, in cui troverete alcuni dei prodotti più apprezzati dagli utenti. 

Posologia

La quantità di minerale da assumere deve essere stabilita in base al peso e all’età del paziente. In linee generali, il fabbisogno giornaliero di un uomo adulto oscilla tra i 250/450 mg, mentre per le donne in età fertile è di circa 300 mg, valore che potrebbe aumentare in caso di gravidanza.

Può essere ingerito sia prima dei pasti, sia durante, a seconda del tipo di disturbo da trattare.

Quanto deve durare una cura di magnesio? Questo può stabilirlo solo un medico. Nel caso in cui doveste avere una forte carenza, è probabile che l’assunzione possa prolungarsi per alcuni mesi, viceversa se, oltre all’integratore alimentare, viene svolta una dieta ricca di cibi contenenti tale elemento. 

Tuttavia, la terapia si potrebbe ritenere conclusa nel momento in cui i sintomi spariscono del tutto. Non è consigliabile deciderlo da soli, ma è preferibile sottoporsi a un esame del sangue, che potrà confermarvi se i valori di magnesio siano tornati nella norma, così da sospenderne l’uso.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI