Come usare un drenante

Ultimo aggiornamento: 30.01.23

 

Avete appena acquistato un nuovo supplemento alimentare e non sapete come assumerlo, in questa breve sezione proveremo a spiegarvi come fare.

 

A cosa serve un drenante

Si tratta di uno specifico integratore contenente particolari ingredienti in grado di diminuire l’accumulo di liquidi nei tessuti adiposi. Il prodotto presenta generalmente una formulazione composta da erbe officinali dalle proprietà drenanti e spesso anche depurative.

La sua funzione dunque è quella di contrastare la cellulite e la ritenzione idrica, aiutando a combattere alcuni sintomi come per esempio il gonfiore, il formicolio e il dolore alle gambe.

Spesso infatti tale problematica può causare anche difficoltà nella deambulazione e la comparsa di vene varicose.

Per tutti i consigli su quale drenante comprare vi invitiamo a leggere la nostra classifica dei migliori prodotti attualmente disponibili sul mercato

 

Quando usarlo

I supplementi alimentari drenanti si possono usare all’inizio delle diete dimagranti: un ottimo modo per eliminare i liquidi in accumulo, che corrispondono molto spesso a chili di troppo.
È possibile assumere tali integratori anche in presenza di vene varicose, cellulite e durante una terapia contro il linfedema, ovvero gonfiore delle gambe e dei piedi causato da un malfunzionamento del sistema linfatico e del microcircolo.

Assunzione

Il dosaggio dipende molto dal tipo di integratore che si sceglie di acquistare: per esempio, uno in formato liquido si può diluire in una bottiglia d’acqua da 1,5 litri e assumerlo lungo il corso della giornata.

Per i supplementi alimentari in bustina è opportuno sciogliere il contenuto in un bicchiere da 500 ml e berlo subito la mattina a stomaco vuoto. Per quanto riguarda le capsule invece è necessario ingerire una o due compresse durante il pasto principale.

Ma il drenante dopo quanto fa effetto? Non è facile rispondere a tale domanda, poiché spesso si tratta di un risultato molto soggettivo, che può cambiare in base alla propria fisicità, al tipo di vita che si svolge e all’alimentazione.

Durante l’utilizzo di un drenante infatti è consigliabile effettuare attività sportiva regolarmente e seguire una dieta sana ed equilibrata, povera di sodio e ricca di fibre e sostanze vegetali.

 

Effetti collaterali

Un abuso di prodotti drenanti può causare spiacevoli effetti collaterali anche gravi, come per esempio carenza di potassio causata dall’aumento di stimolo alla minzione, che provoca perdita di sali minerali.

Inoltre, è possibile la comparsa dolori addominali, diarrea e nausea, in particolare nei soggetti predisposti a patologie del tratto gastro intestinale, che dovrebbero evitare a prescindere l’assunzione di supplementi alimentari simili se non sotto osservazione del proprio medico.

Conservazione

La maggior parte degli integratori drenanti sono proposti in formato liquido, da sciogliere in una bottiglia d’acqua e da bere durante il corso della giornata.

Ciò però comporta che il prodotto si debba necessariamente conservare in frigorifero dopo l’apertura e consumare nell’arco di qualche mese, per evitare che il contenuto possa deteriorarsi e non essere più buono.

Se invece il flacone è ancora sigillato è opportuno difenderlo dal calore e dai raggi solari, riponendolo in un armadio al chiuso al riparo dalla luce e dall’umidità a una temperatura inferiore a 25 °C. Per quanto riguarda i supplementi alimentari in bustina è bene conservarli allo stesso modo in un luogo fresco e asciutto.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI