Tutto quello che c’è da sapere sui fiocchi d’avena

Ultimo aggiornamento: 10.05.21

 

Uno dei pasti del mattino più graditi, da grandi e piccini: ma sapete cosa sono i fiocchi d’avena? Scopriamo qualcosa in più di questo cereale tanto sottovalutato

 

I fiocchi d’avena sono l’ingrediente che caratterizza il muesli o il porridge con i quali fate colazione al mattino ed è quello che si può definire un superfood. Rispetto ai semi di chia, all’acai e alle bacche di goji è anche molto più sostenibile, visto che è facilmente reperibile. 

Si tratta di un prodotto ricavato dall’avena integrale, per cui è considerato un cereale di tale natura: è il nucleo del chicco, che contiene una grande percentuale di carboidrati, acidi grassi insaturi, proteine e fibre. Per questo motivo costituiscono una colazione sana e ricca ma anche una merenda rinvigorente.

La parte esterna del chicco è invece quella che si chiama crusca di avena, ovvero un alimento indispensabile per una corretta eliminazione delle scorie che si accumulano con il cibo.

 

Come nascono i fiocchi d’avena?

Tramite la lavorazione con delle macchine, il cereale grezzo viene lavorato in modo da eliminare residui come la paglia, le parti non edibili e la lolla. successivamente il prodotto viene trattato con il vapore, per passare poi all’essiccazione. 

Quest’ultima parte è ciò che conferisce ai fiocchi il sapore di nocciola; infine, i chicchi vengono pressati sotto due rulli e ottengono così la loro forma tipica. Alcuni, quelli più grandi, sono quelli usati per il muesli, mentre i piccoli derivano da avena che è stata già tritata in precedenza.

I fiocchi d’avena fanno bene?

Grazie al processo di produzione, i fiocchi riescono a conservare tutti i loro nutrienti, per cui mangiare avena a colazione vuol dire fare un pasto sano ed equilibrato. Per questo vengono anche usati per il muesli, il porridge, le barrette e così via.

Ma quante calorie hanno i fiocchi d’avena? Parliamo di circa 379 calorie per 100 g, ma a queste sono da aggiungere anche quelle apportate dallo zucchero, se la miscela acquistata ne ha in grande quantità. 

Inoltre i fiocchi sono senza glutine e sono facili da preparare, perfetti anche per i vegani e per chi ha delle allergie agli alimenti. I valori nutrizionali dell’avena sono elevati, tanto che riescono a saziare molto in fretta, ma i vantaggi che si possono avere dalla loro assunzione sono molti altri:

♦ facilitano la digestione

♦ abbassano i livelli di colesterolo e gli zuccheri nel sangue

♦ contengono vitamina B e rame, in grado di rinforzare capelli e unghie 

Se definiamo i fiocchi d’avena come un superfood è perché sono ricchi di sali minerali, vitamine e oligoelementi: contiene B1, B2, B6, K e E, oltre a potassio, ferro, calcio, magnesio, fosforo, zinco, selenio e manganese. 

 

Ideali per chi fa sport

Data la loro composizione, sono un alimento da consigliare agli sportivi, in quanto arricchiscono l’organismo e lo nutrono a lungo, aumentando il senso di sazietà. Ma quando devono essere consumati se si fa sport?

Contengono carboidrati complessi, per cui è bene assumerli parecchie ore prima, in modo da dare all’organismo il tempo di digerirli. 

 

Fanno dimagrire?

Ma, dato che contengono così tanti carboidrati, i fiocchi d’avena fanno ingrassare? In realtà è vero tutto l’opposto, in quanto la quantità di fibre al loro interno aumenta il senso di sazietà, facendo bruciare i grassi: per questo si tratta di un alleato indispensabile se si vuole perdere peso. 

Naturalmente, se vi state domandando quanti grammi di fiocchi d’avena a colazione potrete consumare, la risposta è non più di 50, a meno che non svolgiate un’intensa attività fisica e seguiate una precisa routine alimentare.

 

Meglio i fiocchi o la crusca?

Anche se la crusca costituisce solo la parte esterna del chicco, ha circa l’85% delle vitamine, il 60% delle proteine, l’80% dei sali minerali e l’85% delle fibre totali. Entrambi sono un superfood e si prestano a tante ricette con l’avena, come il muesli, il porridge, le barrette e così via. 

Ricette con fiocchi d’avena

Ecco qui una ricetta che potete preparare per rendere più gustose le vostre colazioni e merende: parliamo dei biscotti con fiocchi d’avena

 

Ingredienti

♦ 130 g di fiocchi d’avena

♦ 130 g di farina di farro

♦ 70 g zucchero di canna

♦ 50 g mandorle

♦ 90 g olio di semi

♦ un cucchiaino di lievito per dolci

♦ un po’ di sale

♦ latte vegetale

Come prepararli

Prima di tutto è necessario frullare insieme i fiocchi d’avena con le mandorle, poi inserirli in una ciotola o in una terrina insieme agli altri ingredienti. Aggiungete olio e latte, impastando e regolandovi con lo spessore, fino a ottenerne uno che si lavori bene. 

Una volta terminato, fate riposare l’impasto in frigorifero per almeno un’ora; a questo punto preparate una spianatoia con un po’ di farina e stendete tutto con un mattarello fino a ottenere uno spessore di circa mezzo centimetro.

Usate delle formine da biscotto per creare i vostri, tagliate i bordi e disponeteli sulla placca del forno ben oliata: fate cuocere a 180° per circa 20 minuti. Se volete arricchire la ricetta potete anche aggiungere dei semi di lino per arricchire di tante proprietà i vostri biscotti d’avena.

 

L’avena va bene per i diabetici?

Grazie all’alto livello di betaglucani, che tengono nella norma i livelli di insulina, i fiocchi d’avena sono tra gli alimenti maggiormente consigliati ai diabetici. Gli zuccheri nel sangue infatti restano bassi se si consumano alimenti a base di questo cereale, per cui non può che essere raccomandato nella dieta di un diabetico. 

E il colesterolo?

L’avena è in grado di ridurre anche i livelli di colesterolo nel sangue, mantenendo bassi anche i trigliceridi. Quando questi valori sono elevati, infatti, si va incontro a tanti problemi, fino all’infarto e all’ictus. 

I betaglucani, contenuti nell’avena, sono importanti anche per questo motivo, visto che sciolgono i grassi presenti nell’organismo. Mangiare quindi il porridge o il muesli non può che fare bene al nostro corpo. 

Questo non vuol dire che potremo esagerare con i grassi, anche se ci piace accompagnare il dopo cena con uno dei bourbon migliori in commercio, perché la nostra alimentazione dovrà essere sempre regolare, per non correre inutili rischi. 

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments