Benefici e prezzi di un massaggio ayurvedico completo

Ultimo aggiornamento: 26.07.21

““Massaggiare non è far danzare le mani sul corpo di una persona: è danzare con l’anima di una persona.”
– Dario Montorfano

 

Se siete indecisi se fare o meno un massaggio ayurvedico, qui potete farvi un’idea su quali sono i benefici effettivi e gli eventuali prezzi, per poter scegliere con più tranquillità.

 

Quando si parla di massaggio ayurvedico, si fa sempre riferimento a una serie di azioni messe in pratica sul nostro corpo per favorire il benessere fisico e stimolare anche quello psichico. Questo tipo di massaggio in particolare, si rifà alla cosiddetta “filosofia ayurvedica”, ossia a un insieme di tecniche di manipolazione delle mani tramite la quale si raggiunge l’obiettivo principale, ossia l’armonio tra corpo e mente.

Ecco quindi che il detto latino “mens sana in corpore sano” prende sempre di più forma attraverso la conoscenza di un ayurveda. Il praticamente infatti è consapevole e professionista dell’influenza su tre livelli di bioenergia principali chiamati in lingua “dosha”, e distinti in Vata, Pitta e Kapha. Lo squilibrio di anche solo una di queste energie può portare a disturbi più o meno importanti, che variano in funzione dei casi specifici, così come dalla parte coinvolta.

In questi termini, possiamo capire come il massaggio di un ayurveda sia uno dei diversi mezzi della medicina alternativa con cui possiamo raggiungere il benessere che tanto meritiamo, lavorando proprio sull’equilibrio interno tra corpo e mente.

Cos’è e a cosa serve nello specifico

Come anticipato, il massaggio ayurvedico è una tipologia molto particolare di massaggio, che prevede alcune variabili di movimenti in base all’obiettivo che si vuole raggiungere e anche alle conoscenze applicative dei massaggiatori. Questa pratica è davvero molto antica: affonda le sue radici in India, più di 5.000 anni fa, ed è stata pensata e portata avanti dagli ayurveda con lo scopo di trovare un equilibrio, attraverso la stimolazione precisa di centri energetici che si trovano nel nostro corpo.

Ciò nonostante, l’ayurvedica si è poi diffusa senza alcuno stop anche in occidente, dove viene a oggi praticata da moltissime persone sostenitrici della forza bioenergetica, con fini prettamente estetici. Lo scopo – lo ribadiamo – è quello di ripristinare l’armonio necessaria per vivere meglio e stare bene sia fisicamente e sia psichicamente. La sua applicazione prevede alcuni tipi di movimenti delle mani su tutto il corpo, in diverse aree specifiche, che permettono poi di aumentare e favorire la circolazione sanguigna ma anche quella dei cosiddetti fluidi vitali.

Per questo motivo, un massaggio completo può essere davvero utile anche per migliorare alcuni disturbi come l’insonnia, l’ansia e lo stress oppure il mal di testa e il gonfiore alle gambe e ai piedi. Alcune donne si sottopongono a una o più sedute anche per arginare problemi di infiammazione come la cellulite. A un buon massaggio come questo, si può aggiungere anche l’assunzione di prodotti specifici come gli Integratori di ashwagandha  che aiutano moltissimo a migliorare fin da subito.

 

Varie tipologie

Come si può intuire e come accade per la maggior parte delle pratiche orientali, anche il massaggio ayurvedico si distingue in varie tipologie in base alle tecniche di manipolazione attuate e all’area del corpo che viene coinvolta dall’operatore. Per questa ragione esistono massaggi che interessano praticamente tutto il corpo e che sono definiti completi, ma anche quelli che invece si interessano di zone specifiche e vengono definiti localizzati. In linea generale, entrambi si effettuano utilizzando oli ed erbe specifiche, come l’olio di mais e le erbe medicinali.

Ciò nonostante l’ayurveda il massaggio può eseguirlo sotto svariate forme, con sempre lo stesso scopo, che non cambia, ossia alleviare e raggiungere l’equilibrio psico-fisico.

A tal proposito, si troveranno:

♦ Shiroabhyanga, ossia un massaggio sul cuoio capelluto, utilizzato per prevenire la formazione di forfora e la caduta dei capelli;

♦ Shirodhara, applicato sulla testa e in particolare sulla fronte: utile per chi è particolarmente stressato e ha mal di testa;

♦ Griva Abhyanga, che si concentra invece su tutto il tratto cervicale e aiuta a contrastare tutti quei dolori che compaiono con l’avanzare dell’età;

♦ Udvartana e Padabhyanga sono invece due tipologie distinte ma che interesseranno quanti vogliono dimagrire e sgonfiare alcune parti del corpo, perché vengono applicate erbe e oli dall’azione drenante;

♦ Un altro massaggio a tre direzioni che risulta essere particolarmente utile per quanti soffrono di stress e dolore alla schiena e alle spalle è il Tandabhyanga.

Controindicazioni

Molti si chiedono a questo punto se ci sono effettivamente degli effetti collaterali dati dalla pratica del massaggio ayurvedico. In effetti, alcune controindicazioni ci sono, e sono anche molto importanti, perché questo genere di manipolazione utilizza soluzioni specifiche che possono creare fastidio in caso di ferite e infiammazioni, ma anche se soffrite di una sorta di fragilità capillare o addirittura flebite.

Inoltre, dato l’impiego di erbe mediche e oli vegetali, si deve considerare anche l’eventualità che ci siano reazioni importanti e spiacevoli nei soggetti che soffrono di allergia.

Costi

Quanti si chiedono se il massaggio ayurvedico è costoso, devono sapere che non esiste un prezzo fisso. Infatti, questa pratica viene effettuata in genere solo nei centri olistici, e ogni azienda può variare il costo in negativo o in positivo rispetto a una media.

Questo dipenderà certamente da fattori come la funzione, le condizioni, la durata del trattamento, la qualità dell’esperienza e molto altro.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI