Domande frequenti sugli integratori di fucus

Ultimo aggiornamento: 30.01.23

 

Dopo quanto fa effetto il Fucus?

L’assunzione di un integratore alimentare è intesa come coadiuvante di un mutamento nello stile alimentare e di vita in generale. Non si possono rilevare cambiamenti che durino nel tempo e si stabilizzino prima che sia trascorso qualche mese dall’inizio del trattamento.

È essenziale monitorare con attenzione e costanza i progressi registrati e combinare questi risultati a una valutazione complessiva del proprio stato di salute.

A cosa serve il Fucus?

È un attivatore del metabolismo dei grassi grazie alla ricca presenza di iodio, ma ha anche effetti lassativi e in grado di stimolare la digestione grazie alla ricca presenza di mucillagini.

Il risultato sperato con l’assunzione di Fucus è di migliorare la funzione metabolica e lenire la sensazione di gonfiore e pesantezza legati alla digestione lenta. Una maggiore disponibilità del principio attivo permette di agire più specificamente sul metabolismo riattivando le funzioni tiroidee.

 

Con cosa si abbina il Fucus?

Gli integratori a base di Fucus possono essere associati a altri ingredienti per combinare l’effetto depurativo a quello diuretico per ottenere un effetto detox più efficace.

Per questo è possibile trovare composti che includono l’Ortica, la Betulla o altri estratti da piante i cui principi attivi sono utili per il corretto processo digestivo.

Anche in questo caso è essenziale scegliere l’integratore adatto alla propria condizione di partenza e valutarlo in base al risultato finale auspicato.

 

Quante gocce di tintura madre di Fucus?

È essenziale non eccedere con il fai da te, specie se non si è particolarmente esperti e in grado di valutare su se stessi gli effetti dell’integratore. In generale si considera una dose per adulto composta da 30-40 gocce di prodotto.

La tintura madre può essere commercializzata in soluzione alcolica o in glicerina naturale. Si può così decidere se assumere l’integratore anche in condizioni particolari.

Il Fucus, per esempio, può essere preso in gravidanza (previo consulto medico) oppure dai bambini, che possono optare per la versione senza alcol per una migliore efficacia e compatibilità con il proprio metabolismo.

 

Quanti mg di Fucus al giorno?

Anche qui è essenziale verificare le indicazioni del proprio medico e quelle riportate in confezione dal produttore.

In generale si consiglia di non superare le dosi indicate di volta in volta per non incorrere in sovradosaggio che, in caso di ipertiroidismo, potrebbe rivelarsi controproducente.

Inoltre è bene considerare che l’integratore potrebbe essere già commercializzato in buste monodose, oppure in compresse sufficienti per l’intera giornata o da assumere per completare i pasti.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI