Gli 8 migliori semi di sesamo del 2021

Ultimo aggiornamento: 26.10.21

 

Semi di sesamo – Guida agli acquisti, Opinioni e Confronti

 

Nutrirsi in maniera corretta vuol dire integrare anche i cosiddetti “superfood”, ovvero quelle sostanze che apportano grande beneficio all’organismo: tra questi ci sono anche i semi di sesamo. Come sceglierli e in che soluzione comprarli? Sono migliori quelli bianchi o neri? Abbiamo realizzato una guida per voi: se non avete il tempo di leggerla, ecco un’anticipazione delle nostre preferenze. Zig Horeca Semi di Sesamo Premium 1 Kg è un articolo a un prezzo conveniente, visto che arriva in una busta da 1 kg, che è anche richiudibile. Ci hanno convinto anche Probios Semi di Sesamo Bio Senza Glutine, disponibili in diverse soluzioni, per aumentare il risparmio e consigliati anche ai celiaci, visto che sono privi di glutine.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori semi di sesamo – Classifica 2021

 

Qui potete leggere le nostre considerazioni su alcuni dei migliori semi di sesamo del 2021 tra quelli venduti online. Date un’occhiata alle loro caratteristiche, alle offerte e fatene una comparazione per individuare l’occasione giusta per le vostre tasche.

 

1. Zig Horeca Semi di Sesamo Premium 1 Kg

 

Tra i migliori semi di sesamo a prezzi bassi potete considerare quelli di Zig, prodotti per la linea Ho.Re.Ca, ben 1 kg a un costo molto conveniente per tutte le tasche. Se siete grandi consumatori di questo articolo, acquistare questa soluzione vi farà risparmiare non poco: cliccate sul link in basso se non sapete dove acquistare.

La busta è inoltre molto particolare, in quanto fatta apposta per richiudersi e per mantenere inalterata la freschezza del prodotto e quindi tutte le proprietà organolettiche. Provenienti dalla Nigeria, questi semi di sesamo e i benefici che comportano sono alla portata di tutti, come snack, per essere uniti allo yogurt o come ingrediente in qualche preparazione.

Molto apprezzato dagli utenti, questo articolo però non è al 100% sicuro che sia senza glutine, per cui non è indicato per i celiaci. 

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Tra le soluzioni più economiche in circolazione, questo sacchetto di semi di sesamo ha un costo molto concorrenziale per ben 1 kg di prodotto.

Busta richiudibile: Fatta in modo che possa essere ben richiusa, mantiene inalterate le caratteristiche organolettiche del prodotto.

Versatili: Possono essere mangiati come snack, nello yogurt, nell’insalata, insomma dappertutto, per dare beneficio al corpo.

 

Contro

Glutine: Non è specificato se lo contenga o meno, per cui potrebbe non essere indicato per i celiaci.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Probios Semi di Sesamo Bio Senza Glutine 

 

Se non sapete quali semi di sesamo comprare date un’occhiata a quelli di Probios, che sono tra i più venduti del web. L’azienda mette a disposizione una doppia soluzione, ovvero la possibilità di acquistare un sacchetto da 300 g o quella di prenderne sei da 300 g, per risparmiare e averne una scorta a disposizione.

Se volete realizzare del pane con semi di sesamo o delle focacce, questo prodotto è ideale; potrete anche creare dei biscotti, arricchiti con un alimento ricco di fibre, calcio, magnesio e fosforo, quindi ideale per il benessere dell’organismo.

Questa soluzione è totalmente biologica e priva di glutine, quindi indicata anche per i celiaci. C’è però da far notare che le confezioni non sono richiudibili, per cui dovrete provvedere a versare il contenuto in un barattolo, meglio se in vetro.

 

Pro

Scorta: Potrete scegliere se acquistare il sacchetto da 300 g oppure la soluzione di sei scatole, in modo da risparmiare ancora di più.

Per molte ricette: Potrete usarli per creare pane o focacce, ma anche dolci come i biscotti.

Per celiaci: Un prodotto biologico ma soprattutto privo di glutine, quindi indicato anche per chi soffre di celiachia.

 

Contro

Confezione: Non è richiudibile, per cui dovrete versare il contenuto in un barattolo, se non lo consumate tutto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. CiboCrudo Semi di Sesamo Biologici Crudi Raw Organic 1500gr

 

Se non sapete come scegliere dei buoni semi di sesamo, date una chance a quelli di CiboCrudo, che sono biologici e soprattutto crudi, quindi mantengono intatte tutte le loro proprietà. Sono infatti lavorati al di sotto dei 42° gradi e sono privi di sostanze chimiche o pesticidi. 

Ricchi di proteine, carboidrati, grassi e sali minerali costituiscono quello che si chiama un superfood, ovvero un alimento che dona solo vantaggi al corpo umano. Utili per qualsiasi tipo di ricetta, possono essere tanto consumati da soli quanto nelle insalate, per preparati come il pane o le focacce e i dolci.

Arriva in una confezione richiudibile da 1,5 kg, per un costo nella media, viste le sue caratteristiche. Tuttavia, secondo i pareri di alcuni utenti, non sono saporiti come quelli di altre marche.

 

Pro

Crudi: I semi di CiboCrudo sono biologici e non contengono sostanze chimiche o pesticidi, quindi sono sicuri per il consumo.

Superfood: Ricchi di vitamine, sali minerali, proteine, grassi e carboidrati, sono un alimento completo che dona solo benessere al corpo.

Confezione: Contiene 1,5 kg di prodotto ed è richiudibile, per cui potrete mantenere intatte le caratteristiche dei semi.

 

Contro

Sapore: Non sembra essere così intenso come quello dei semi presenti in confezioni di altri marchi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Pearls of Samarkand Sesamo Nero Biologico 1 kg

 

Se credete che i semi di sesamo nero siano un prodotto nuovo, in realtà questo alimento è presente da sempre in Brasile, paese dal quale Pearls of Samarkand li acquista. Un prodotto biologico e che viene da coltivazioni equo solidali, situate in Bolivia, motivo per il quale assumono un sapore molto caratteristico di nocciole.

Si tratta di cibo raw, quindi crudo, che mantiene inalterate tutte le proprietà nutritive dei semi, per cui non sono solo validi per un momento di relax ma anche per rendere più saporiti muesli e dessert, ma anche pane e focacce.

Il costo, per il pacco da 1 kg, appare molto conveniente, soprattutto viste le caratteristiche, ma molti utenti lamentano una certa secchezza che rende meno gustosi questi semi, per cui meglio aggiungerli allo yogurt che inserirli in una ricetta da forno.

 

Pro

Biologici: Questi semi di sesamo neri sono del tutto bio e coltivati in territori equo solidali, quindi ideali per tutti e soprattutto per chi fa attenzione a quello che compra.

Costo: Il prezzo di vendita è molto conveniente per il pacco da 1 kg, per cui si tratta di un prodotto alla portata di tutte le tasche.

Sapore: Data la zona di coltivazione, ha un gusto molto particolare, che ricorda quello delle nocciole.

 

Contro

Secchi: Sono un po’ troppo ammaccati per andare bene per preparazioni da forno, quindi meglio nello yogurt o nelle insalate.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Minotaur Seeds Sesamo Bianco Decorticato Naturali Vegan 

 

Un’altra occasione da cogliere al volo è quella proposta da Minotaur, azienda che tiene molto alla sostenibilità, tanto che i suoi prodotti sono contrassegnati dalla dicitura “Climate Pledge Friendly”, simbolo del rispetto dell’ecosistema nella coltivazione dei semi.

Si tratta di un alimento senza conservanti, aromi, coloranti o esaltatori di sapidità, quindi totalmente naturale, vegano e di alta qualità. Il colore di questi semi è molto chiaro, per cui abbiamo a disposizione un alimento che può andare bene anche per decorare dolci e pane con questa tonalità che dà sul bianco.

Buono il rapporto qualità/prezzo, in quanto a casa arrivano due buste da 500 g, per un totale di 1 kg di prodotto, un bel risparmio se si fa un grande uso di questo ingrediente. Le buste non sono però richiudibili, per cui dovrete versare l’eccedenza in un barattolo, meglio se in vetro.

 

Pro

Sostenibili: Questi semi sono coltivati e raccolti nel rispetto della Terra e dell’ambiente, infatti si fregiano della dicitura “Climate Pledge Friendly”.

Puri: Naturali e senza conservanti, non contengono aromi, coloranti o esaltatori di sapidità, oltre a essere vegani.

Costo: Il prezzo per due buste da 500 g l’una è molto conveniente e piace a chi fa grande uso dei semi di sesamo.

 

Contro

Buste: Non sono richiudibili, per cui meglio travasare il contenuto eccedente in una confezione in vetro.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Biyori Semi di Sesamo Nero

 

Biyori propone una confezione di semi di sesamo neri molto facile da usare: si tratta infatti di una specie di bottiglia con tappo, che permette di versarli direttamente dove si vuole, con il vantaggio di non doverli travasare e di avere a disposizione una confezione richiudibile.

Completamente lavati e torrefatti, hanno un sapore che ricorda molto quello delle nocciole, a differenza della variante bianca, per cui vanno bene con qualsiasi piatto, dal dolce al salato. Sono usati anche per insaporire il sushi o l’insalata di alghe, ma anche solo un piatto di riso in bianco.

La confezione contiene 1 kg di prodotto e ha un costo decisamente accessibile, anche se c’è chi sostiene di aver trovato lo stesso prodotto a meno. Agli utenti piace di poterlo reperire online, visto che non è così facile trovarlo nei negozi, se non etnici, soprattutto in questa particolare variante.

 

Pro

Confezione: Grazie alla bottiglia molto pratica, dotata di tappo apri e chiudi, potrete versare i semi direttamente sulle pietanze e non rischiare che si secchino.

Sapore: Ricorda molto quello delle nocciole, per cui va bene sia per piatti salati, sia dolci e soprattutto per la cucina esotica.

 

Contro

Costo: Anche se non è alto, pare ci siano soluzioni meno care in circolazione, che soddisfano le esigenze di chi cerca sempre il risparmio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Biyori Semi di Sesamo Nero Tostati Confezione Sottovuoto 

 

Se preferite non correre rischi e avere a disposizione una confezione sottovuoto, date un’occhiata a questa soluzione firmata Biyori, ovvero 1 kg di semi di sesamo neri contenuti in questa pratica busta, che consente di mantenerli più a lungo inutilizzati.

Se volete fare scorta e non rischiare che vadano a male, questa è una buona idea: dal caratteristico sapore di nocciola, questo prodotto è ideale tanto per i piatti salati, come il pane o le insalate, quanto per i dolci, dei quali diventa una decorazione. Sposa bene anche con la cucina orientale, infatti è parte integrante dei piatti con il riso o le alghe.

Nella scatola troverete anche un omaggio, ovvero una calamita da attaccare al frigo. Il sacco da 1 kg ha un costo abbastanza elevato rispetto ad altre soluzioni in vendita; inoltre è necessario trovare un contenitore con chiusura ermetica per conservare i semi che non vengono immediatamente utilizzati.

 

Pro

Sottovuoto: Qui potete trovare 1 kg di semi di sesamo in una confezione che ne preserva tutte le caratteristiche fino all’apertura.

Sapore: Trattandosi di semi neri, hanno un gusto molto particolare, simile alla nocciola, che insaporisce piatti di ogni tipo, dolci, salati ed esotici.

 

Contro

Costo: Non è la soluzione più conveniente in circolazione, per cui potreste dover optare per qualcosa di più contenuto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. CiboCrudo Olio di Semi di Sesamo Bio Spremuto a Freddo

 

Quello di CiboCrudo è un olio di semi di sesamo spremuto a freddo, quindi ricco di tutto il potere antiossidante di questi preziosi alimenti. Contengono infatti una grande quantità di vitamina E, che dona benessere al corpo.

Grazie alle sue caratteristiche, può essere usato in tavola al posto del classico olio di oliva, non solo come condimento ma anche per cucinare, visto che i semi di sesamo sono da considerare un vero e proprio superfood.

Dalla sua ha anche le poche calorie che lo caratterizzano e che ne consentono un consumo più largo. La bottiglia da 250 ml ha un costo abbastanza elevato, anche se da rapportare alle qualità del prodotto, ma il vero problema, se così vogliamo dire, è il sapore di questo olio, che sembra essere davvero molto forte. 

 

Pro

Spremuto a freddo: Il vantaggio di questo olio è quello di essere lavorato a freddo, quindi mantiene intatte tutte le sue caratteristiche organolettiche.

Versatile: Può essere tanto utilizzato per cucinare quanto come classico condimento, al posto di quello di oliva, visto che è anche meno calorico.

 

Contro

Sapore: Per i palati più fini potrebbe risultare un po’ troppo forte, quindi è sconsigliato a chi rientra in questo gruppo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare dei semi di sesamo

 

Se siete interessati a quelli che si chiamano superfood ma non ne sapete tanto, potrà interessarvi conoscere qualcosa in più sui semi di sesamo, caratterizzati da un aroma molto intenso e ideale per accompagnare tanto piatti salati quanto dolci.

Perché sono tanto importanti? Vediamolo insieme.

Da usare ovunque

I semi, come la frutta secca, sono di fondamentale importanza per seguire una corretta dieta: ce lo dicevano già i nostri nonni, quando li usavano ovunque nella loro alimentazione, in quanto fonte di vitamine e sali minerali.

Questo alimento era molto usato per la creazione di dolci come i biscotti, ma anche per arricchire le insalate o per piatti orientali, come il sushi: vanno infatti bene negli uramaki ma anche nell’insalata di alghe, alla quale donano maggiore sapore.

Insomma, un alimento tanto piccolo quanto versatile, visto che può essere ingrediente di muesli e yogurt, così da fare una pausa o una colazione ancora più ricca di nutrienti che fanno bene al cuore e alle ossa.

 

Meglio se bio

Quando è il momento di scegliere i semi di sesamo, è bene fare attenzione a quello che c’è scritto sulla confezione: se trovare la scritta “bio” o “puro al 100%”, quella è la busta da acquistare.

Questo perché solo in questo caso i semi potranno farvi davvero bene, visto che non avranno elementi chimici o conservanti a modificarne la natura. Inoltre, se fossero presenti pesticidi, potrebbero causare reazioni allergiche anche gravi, per cui è sempre bene optare per qualcosa di totalmente naturale. 

Fate caso anche alla confezione: se si tratta di una busta non richiudibile, abbiate l’accortezza di procurarvi un contenitore, meglio se in vetro, dove conservare i semi, in modo da non far loro perdere le caratteristiche benefiche.

Se, invece, la confezione si può chiudere, assicuratevi che la quantità di semi sia tale da poter essere usata entro breve tempo, per evitare che deteriorino. 

Altri derivati dei semi di sesamo

I benefici dei semi di sesamo possono essere assunti non solo attraverso il loro consumo, ma anche quello dei loro derivati. Basti pensare all’olio, che viene solitamente estratto a freddo, in modo da mantenere intatte tutte le proprietà dei semi.

Questo prezioso elemento può essere utilizzato crudo oppure per la saponificazione, quindi è un olio che può fare anche da vettore. Oltre a questo, potrete usare anche la tahina, che è un burro, ricavato proprio dal sesamo, che ha un sapore particolare e che viene impiegato proprio nella cucina mediterranea.

Un altro preparato che se ne ricava è il gomasio che, in unione con il sale, è un ottimo metodo per ridurre l’assorbimento di questo condimento. Come vedete, i semi di sesamo sono quindi utilizzabili con diverse forme e in vari modi, per soddisfare le esigenze di tutti gli utenti. 

 

 

 

Come usare i semi di sesamo 

 

Anche se sono piccoli, non mancano di gusto: i semi di sesamo si trovano in molti piatti della tradizione del nostro paese e sono in grado di dare un gusto speciale a tante pietanze. Per fortuna non sono solo buoni, ma anche ricchi di vitamine e sali minerali, che li rendono indispensabili per una dieta completa. 

I benefici dei semi di sesamo

Grazie alle loro caratteristiche, questi semini possono apportare vari benefici al nostro organismo. In primo luogo, infatti, sono ricchi di proteine, minerali e carboidrati; in particolar modo abbiamo il potassio, il ferro, il magnesio, lo zinco, il selenio e gli omega 3 e 6, grassi fondamentali anche per il cuore. 

Perché quindi consumare i semi di sesamo? Per prevenire le malattie ossee e per fare in modo che i denti siano sani, visto che contengono una grande quantità di calcio, per cui possono essere assunti al posto dei latticini da parte di chi ha intolleranze.

Grazie agli omega 3 e 6, invece, è possibile anche contrastare l’azione dei radicali liberi, che non fanno altro che aumentare il processo di invecchiamento delle cellule. Infine, grazie anche al contenuto di vitamine del gruppo B, tengono alto il sistema immunitario.

 

Come usarli in cucina

Se non volete consumarli così come sono, i semi di sesamo possono essere tranquillamente utilizzati anche per tante diverse preparazioni: non sono usati solo nella cucina orientale, ma anche in quella occidentale.

Molto usati soprattutto da chi segue un regime alimentare vegano o vegetariano, sono un valido sostituto della carne, visto che, come abbiamo detto, sono molto ricchi di proteine. Nella cucina orientale, in particolare, sono uniti al sale e usati come condimento, che prende il nome di gomasio. 

Anche la salsa tahin è ricavata dai semi di sesamo e viene impiegata specialmente come condimento per le insalate o l’hummus, il piatto caratteristico a base di ceci e spezie. In Italia lo troviamo spesso nella cucina dei dolci, specialmente in Calabria e in Sicilia, dove si realizza la giurgiulena.

Infine, sono ottimi sul pane o sulle focacce, soprattutto quelli neri, che donano un caratteristico sapore di nocciole anche al più semplice panificato.

Perché preferirli biologici

Dobbiamo essere sempre attenti a ciò che mangiamo: per questo è importante assicurarsi che il prodotto che andiamo a ingerire sia privo di sostanze che possano farci male. Per i semi di sesamo vale lo stesso: quando li compriamo dobbiamo verificare che ci sia la certificazione biologica, così da essere sicuri che non siano stati utilizzati pesticidi.

Il sesamo è considerato uno degli allergeni più importanti, al pari delle noci, per cui è bene scegliere di spendere un po’ di più ma essere sicuri di non correre rischi. Altri elementi dei quali dobbiamo accertarci sono, per esempio, la segnalazione dell’assenza di glutine, se siamo celiaci o se abbiamo qualcuno in casa che soffre di questa patologia.

 

 

 

Domande frequenti

 

Semi di sesamo: come mangiarli?

Ci sono moltissimi modi per consumare i semi di sesamo: prima di tutto è possibile aggiungerli crudi nell’insalata, per renderla ancora più saporita, oppure nello yogurt e nel muesli, in modo da fare colazione o un break pomeridiano ricco di vitamine e sali minerali.

Ma i semi possono essere anche tostati o utilizzati per ricette come il pane e le focacce oppure possono arricchire alcuni piatti della cucina orientale, come gli uramaki o anche una semplice insalata di alghe.

Quanti semi di sesamo al giorno?

Dobbiamo considerare che questi piccoli alimenti sono ricchi non solo di vitamine e sali minerali, grassi buoni come l’omega 3 e 6, ma anche di calcio. Per questo motivo vengono impiegati anche per rinforzare le ossa e i denti: ma quanti grammi al giorno se ne deve consumare per essere sicuri di apportare la giusta quantità all’organismo?

Non è semplice riuscire a consumarne 100 g: dovremmo davvero aggiungerli dappertutto! Ne basteranno allora circa 20 g al giorno, per sopperire al fabbisogno di calcio quotidiano.

 

Come tostare i semi di sesamo?

Se preferite consumare i semi di sesamo ben tostati, sarà sufficiente seguire la procedura per ottenerli, quindi potrete farlo tanto in pentola che al forno. Nel primo caso, dovrete prenderne una antiaderente, farla scaldare per bene e poi versare i semi.

Lasciateli sul fuoco fino a quando il loro colore non sarà dorato ed emaneranno un odore molto gradevole. Dovrete assicurarvi di girarli di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e di non farli scoppiettare, caso in cui è preferibile abbassare considerevolmente la fiamma.

Se volete eseguire questo procedimento al forno, invece, basterà prendere della carta da forno, rivestire una teglia e versarci al di sopra il sesamo. Accendete il forno a 200° e inserite il tutto, attendendo sempre che assumano un colore brunito e che emanino un buon odore.

 

Quali sono le proprietà dei semi di sesamo?

Il sesamo è un alimento ricco di molti nutrienti e in particolar modo il calcio e il fosforo, gli omega 3 e gli omega 6, ovvero grassi buoni, che aiutano a ripulire le arterie e a eliminare il pericolo del colesterolo cattivo o LDL. 

Non mancano inoltre carboidrati, proteine, fibre e magnesio, acido folico e vitamine del gruppo B, per cui si identificano anche come valido antinfiammatorio, ottimo per regolare il transito intestinale e per eliminare il gonfiore addominale.  

La quantità di vitamina A contenuta, inoltre, nutre la pelle e la rende più elastica, contrastando così il fenomeno delle smagliature. 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI