Gli 8 migliori semi di papavero del 2021

Ultimo aggiornamento: 01.12.21

 

Semi di papavero – Guida agli acquisti, Opinioni e Confronti

 

I semi di papavero sono ricchi di proprietà benefiche per il nostro organismo, ma possono essere anche ideali per cucinare qualche piatto come dolci o panificati. Ma quali scegliere per assumere tutti i nutrienti nella maniera corretta? Ci sono molte soluzioni interessanti e convenienti sul web: abbiamo creato una guida per aiutarvi a individuare quelli giusti. Se non avete il tempo di leggerla, qui potete trovare alcune delle nostre preferenze: CiboCrudo Semi di Papavero Biologici Crudi Raw Organic 250gr offre una soluzione conveniente e alla portata di tutte le tasche. Si tratta di un prodotto bio e crudo, che può essere usato in vari modi, visto che è molto ricco di vitamine, sali minerali e omega 3 e 9. Ci hanno convinto anche Probios Semi di Papavero Bio Confezione da 1 kg, è venduto in una confezione da ben 1 kg a un costo accessibile a tutti. Sono semi di papavero blu, che sono indicati anche solo per creare una bella decorazione a un piatto.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori semi di papavero – Classifica 2021

 

Qui potete trovare alcuni tra i migliori semi di papavero del 2021 tra quelli venduti online: date uno sguardo ai nostri suggerimenti se non sapete dove acquistare una confezione a prezzi bassi. Facendo una comparazione di offerte e caratteristiche, troverete il prodotto più indicato per le vostre esigenze.

 

1. CiboCrudo Semi di Papavero Biologici Crudi Raw Organic 250gr 

 

Tra i migliori semi di papavero per il valido rapporto qualità/prezzo possiamo indicare quelli di CiboCrudo, che offrono 250 g di prodotto a un costo molto conveniente. Si tratta di una confezione che contiene un elemento molto prezioso e che dona vari vantaggi al nostro corpo sotto diversi punti di vista.

Tra le proprietà dei semi di papavero ci sono infatti, per esempio, il dare beneficio con il quantitativo di omega 3 e 9, sali minerali e vitamine, che nutrono l’organismo e vanno a compensare le carenze di queste importanti sostanze.

Non solo, in quanto questi semi possono essere usati anche per intervenire sulle problematiche che riguardano il sistema nervoso, in quanto hanno la possibilità di calmare e sedare il corpo. 

Questo prodotto è biologico e crudo, quindi si presta a vari usi: attenzione però alla busta che, seppur richiudibile, non conserva bene i semi, che così richiedono un contenitore, meglio se in vetro, per mantenere intatte le loro proprietà.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: I semi qui contenuti sono bio, per cui il costo è molto interessante per tutte le tasche.

Proprietà: Questi semi sono ricchi di vitamine, sali minerali e omega 3 e 9, possono sedare il corpo ma anche nutrire tramite delle ricette gustose.

Crudi: Questa caratteristica permette di farne diversi usi, per cui potrete divertirvi con tante soluzioni interessanti.

 

Contro

Busta: Anche se richiudibile, è preferibile usare un contenitore in vetro per mantenere inalterate le caratteristiche dei semi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Probios Semi di Papavero Bio Confezione da 1 kg

 

Se avete intenzione di realizzare delle ricette con semi di papavero dovete optare per un prodotto adatto allo scopo, come quello proposto da Probios. Nella sua confezione da 1 kg, infatti, sono contenuti quelli di papavero blu, di dimensioni ridotte e di colore che può variare dal nero al grigio.

Proprio grazie alle loro dimensioni e caratteristiche, sono indicati per decorare tutti i prodotti da forno, dal pane alle focacce, fino ai biscotti. Grazie alle dimensioni del pacco, potrete servirvene a lungo e, visto anche il costo contenuto in rapporto alla quantità, si tratta di una spesa facile da affrontare se siete soliti utilizzare questo ingrediente in cucina.

Deve essere conservato in un luogo fresco e asciutto ma, soprattutto, i semi devono essere messi a bagno per almeno 20 minuti o mezz’ora, in modo da rimuovere le eventuali tracce di oppio presenti nel papavero. 

 

Pro

Per ricette: Se volete realizzare del pane, biscotti o anche una torta ai semi di papavero, questi sono adatti allo scopo.

Rapporto quantità/prezzo: Il sacco da 1 kg è venduto a un costo molto interessante, specialmente se avete intenzione di servirvi a lungo di questi semi.

Dimensioni: Questi sono semi di papavero blu, che sono abbastanza piccoli per essere utilizzati come decorazione.

 

Contro

Ammollo: Sarà necessario mettere in acqua i semi per almeno 20 minuti, in modo da rimuovere gli eventuali residui di oppio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Bongiovanni Farine e Bontà Naturali Semi di Papavero 500g Bio

 

Se non sapete quali semi di papavero comprare, date un’occhiata a quelli di Bongiovanni, azienda che li propone in due diverse confezioni, da 250 e 500 g, entrambe a un costo basso e alla portata di tutti.

La scelta tra le due soluzioni sta proprio nella quantità che utilizzate di questo ingrediente, utile non solo nella preparazione di prodotti da forno, che siano dolci o pane, ma anche come aggiunta nelle insalate o nello yogurt, per integrare vitamine e sali minerali, ma anche per dare un sapore differente ai piatti.

Tra le varianti più vendute, viene apprezzata soprattutto per il prezzo, tra i più economici, vista anche la durata della confezione. L’unico appunto da fare, che non ha accontentato i pareri degli utenti più esigenti, è il sapore, considerato non molto gustoso da chi è solito consumarli quotidianamente.

 

Pro

Confezioni: Ce ne sono due disponibili, una da 250 e una da 500 g, per venire incontro alle esigenze di chi non è nuovo all’uso dei semi di papavero. 

Versatili: Possono essere usati tanto per arricchire dolci o preparati da forno, quanto in aggiunta a insalate e yogurt.

Rapporto quantità/prezzo: Il costo soddisfa le esigenze dell’utente medio, che non ha grossi budget da spendere ma tiene alla salute.

 

Contro

Sapore: Non sono molto gustosi, per cui gli utenti più esigenti potrebbero non essere soddisfatti da questo aspetto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. CiboCrudo Semi di Papavero Bianchi Bio Raw Organic 

 

Quelli di CiboCrudo sono perfetti per chi non sa come scegliere dei buoni semi di papavero ma ne ha bisogno per varie ricette e per un uso quotidiano. Provenienti da agricoltura biologica, mantengono intatte tutte le loro caratteristiche nutritive, per cui garantiscono un buon apporto di vitamine e sali minerali alla vostra dieta.

Ideali tanto per essere aggiunti a preparati come il pane, i biscotti o le torte, possono anche essere consumati nell’insalata o in uno yogurt da tutti, visto che sono, per natura, del tutto privi di glutine, quindi vanno bene anche per i celiaci.

Dal bel colore chiaro, hanno un sapore molto simile a quello delle nocciole, che però non per tutti gli utenti è così persistente da risultare caratteristico di questa varietà. La confezione da 250 g ha un costo un po’ più alto della media ma comunque in linea con la qualità del prodotto.

 

Pro

Biologici: Questa caratteristica, oltre a renderli sani al 100%, ne fa un prodotto con nutrienti intatti, che potranno arricchire la vostra dieta.

Versatili: Potrete tanto usarli per arricchire ricette di dolci quanto aggiungerli all’insalata o anche allo yogurt.

Senza glutine: Naturalmente privi di questa sostanza, vanno bene anche per i celiaci e quindi possono essere consumati da tutti.

 

Contro

Sapore: Dovrebbe essere molto simile a quello delle nocciole, invece non è così intenso da fare la differenza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Probios Bio Mix di Semi Wellness Semi di Papavero 

 

Se siete alla ricerca di un mix di semi che possa rendere la vostra alimentazione varia e anche ricca di nutrienti, date uno sguardo alla proposta di Probios, che mette a disposizione più varietà per soddisfare i palati più esigenti.

Il prodotto arriva in dieci differenti confezioni da 125 g l’una, per assicurare la freschezza dei semi se non se ne fa un utilizzo costante. Se non userete tutta la bustina, potrete richiuderla e consumarne il contenuto successivamente, ma vi consigliamo di riporre i semi in un contenitore alternativo, per preservarne la freschezza.

Il mix prevede non solo semi di papavero, ma anche di lino, di girasole e di sesamo, quindi una fonte di calcio e fosforo, priva di glutine e indicata per integrare la dieta di tutti. Considerando, infine, il costo, si tratta di un’offerta molto interessante, che soddisfa chi punta prettamente al risparmio. 

 

Pro

Mix: All’interno della confezione troverete semi di papavero, lino, sesamo e girasole, per assicurarvi un buon apporto di fosforo e calcio.

Confezioni: A casa arriveranno dieci diverse bustine, da 125 g l’una, per non essere costretti a consumare tutti i semi in breve tempo.

Costo: A parità di quantità, il prezzo è molto interessante e soddisfa le esigenze di risparmio delle famiglie con reddito medio.

 

Contro

Bustine: Se non volete consumare subito tutto il contenuto di una confezione, dovrete trasporre il contenuto in un vasetto di vetro, se non volete che i semi perdano le loro qualità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Laborbio Papavero Semi Bio 80G Vasetto Vetro

 

Laborbio mette a disposizione diverse soluzioni, indicate per chi fa un uso moderato o continuo dei semi: quelli di papavero sono disponibili in una confezione da 80 g e posti in un vasetto di vetro, che ne preserva tutte le caratteristiche e ne consente un consumo dilazionato nel tempo.

Si tratta di un prodotto biologico, ricco di grassi buoni, proteine, omega 3 e 9, vitamine e sali minerali, dall’impiego versatile in quanto può essere usato tanto per cucinare quanto come aggiunta a insalate, quindi come condimento.

Grazie all’alto contenuto di calcio, inoltre, è fondamentale per la salute delle ossa e contrasta il colesterolo cattivo, per la quantità di fitosteroli apportati. Tuttavia, per quanto la soluzione del barattolino in vetro sia molto interessante, il costo per soli 80 g è più alto della media, per cui potreste desiderare di spendere molto meno. 

 

Pro

Vasetto di vetro: Questi semi di papavero sono conservati all’interno di una confezione richiudibile in vetro, che ne preserva tutte le caratteristiche organolettiche.

Biologici: Un prodotto senza lavorazioni esterne, ricco di grassi buoni, di vitamine, sali minerali e calcio.

 

Contro

Costo: Il prezzo di vendita per 80 g è molto alto rispetto ad altre soluzioni che potrete trovare non solo sul web.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Rani Brand Authentic Indian Products Semi di Papavero Bianco 

 

I semi di papavero bianco di Rani Brand sono disponibili in varie confezioni, per venire incontro alle esigenze di tutti coloro che vogliono fare un uso più o meno costante di questi preziosi nutrienti.

Potrete infatti scegliere tra il vasetto da 80 g, il sacco da 100 g o da 200 g, in base all’impiego che ne volete fare. Il prodotto è 100% naturale, privo di OGM o di conservanti, vegano, senza glutine o aggiunta di altre spezie. Proviene dall’India, infatti questa tipologia di papavero, con semi bianchi, è caratteristica di quella parte del mondo.

Il sapore assomiglia molto a quello delle nocciole, per cui va bene sia per ricette dolci, sia salate. Da notare la presenza della soluzione del barattolo, che è ideale per conservare bene i semi che non si usano: tuttavia questa versione è anche abbastanza cara, quindi valutate se acquistare o meno in base al vostro budget.

 

Pro

Confezioni: Quelle disponibili sono tre, il vaso da 80 g e i due sacchi da 100 e 200 g, che possono soddisfare le esigenze di tutti gli utenti.

Naturale: Il prodotto non contiene OGM, è vegano e per natura non ha glutine, quindi può essere consumato anche da chi è celiaco.

Versatile: Il sapore di nocciola lo rende ideale per ricette dolci ma anche per quelle salate.

 

Contro

Costo: La versione in barattolo, che contiene 80 g di prodotto, è venduta a prezzo abbastanza alto rispetto ad altre soluzioni in commercio. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Oltresole Semi di Papavero Bio Alimentari per Cucina 

 

Se avete grande necessità di semi di papavero, quelli di Oltresole possono soddisfare questa esigenza, visto che arrivano in una confezione da ben 3 kg. Ricchi di vitamine, come la B, la C e la E, contengono anche sali minerali come il potassio, il magnesio, il selenio, il rame e il fosforo e sono importanti per la quantità di calcio contenuto.

Privi di glutine, derivano dal Nord America, e sono indicati per un consumo quotidiano per tutti, vegani, vegetariani e celiaci. Possono tanto essere usati per realizzare una ricetta, dolce o salata, quanto per essere aggiunti a insalate, yogurt o anche per essere sgranocchiati durante una pausa.

Il costo è molto conveniente rapportato alla quantità, ma la sacca in plastica non è richiudibile, per cui dovrete travasare i semi rimasti in un contenitore che si chiuda ermeticamente, se volete mantenere intatte le proprietà organolettiche del prodotto. 

 

Pro

Rapporto quantità/prezzo: Il sacco da 3 kg è venduto a un costo molto concorrenziale, che soddisfa le richieste dei grandi consumatori di semi di papavero.

Per tutti: Sono privi di glutine e molto ricchi di sostanze nutritive, come le vitamine, i sali minerali e soprattutto il calcio, indispensabile per la creazione della struttura delle ossa.

 

Contro

Confezione: Non è richiudibile, per cui potreste avere difficoltà a conservarli se non avete a disposizione un contenitore apposito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare dei semi di papavero

 

I semi di papavero sono noti per il loro alto contenuto di vitamina E e di calcio ma anche per le grandi proprietà calmanti e sedative che hanno sul sistema nervoso. Oltre a offrire i suddetti benefici all’organismo, i semi di papavero sono molto utilizzati anche in cucina, per arricchire varie pietanze, in quanto sono un’ottima fonte di proteine e grassi. 

Se volete acquistarli e avete bisogno di qualche chiarimento, date uno sguardo alla nostra guida. Qui troverete dei preziosi consigli che vi aiuteranno a scegliere il prodotto più adatto a soddisfare le vostre esigenze.

Tipi di papavero

In natura esistono varie tipologie di papavero e ognuna ha diverse proprietà. Pertanto prima di parlare dei benefici dei semi di questo vegetale, è fondamentale conoscere le sue numerose caratteristiche.

Innanzitutto è bene sapere che con il nome di “papavero” vengono classificate molteplici varietà di questa pianta, spesso anche molto diverse tra loro sia per aspetto sia per proprietà.

Il primo della lista, per notorietà, è il “Papaver Rhoeas”, ovvero quello che di solito cresce spontaneamente nei campi e ai bordi delle strade. Il suo colore è un rosso molto vivace, che di certo non lo fa passare inosservato. Purtroppo da questo papavero non si ricava nulla di che, in quanto non possiede particolari proprietà benefiche.

A seguire troviamo il “Papaver Setigerum” e il “Papaver Nigrum”, due varietà utilizzate prevalentemente in cucina. I semi di questi papaveri vengono estratti dai baccelli essiccati del fiore.

Un’altra specie assai nota e molto utilizzata dagli antichi, è il “Papaver Somniferum”, ovvero la varietà dalla quale si ricava l’oppio. I petali di questo papavero sono bianchi e a tratti con riflessi rosa. La capsula del vegetale, quando non è ancora matura, contiene la sostanza che viene usata per ottenere l’oppio. In pratica si tratta di una varietà che viene sfruttata prevalentemente in campo medico.

 

Proprietà e benefici dei semi di papavero

Come abbiamo anticipato, i semi di papavero sono ricchi di sostanze benefiche per il nostro corpo. Tra i vari elementi troviamo il potassio, gli acidi grassi omega 6 e l’acido oleico, che combinati assieme aiutano l’organismo a controllare il colesterolo cattivo (LDL) e a produrre quello buono (HDL). Già solo queste sostanze, contribuiscono a mantenere un buon funzionamento del sistema cardiocircolatorio.

I semi di papavero contengono anche un alto livello di calcio, infatti sono consigliati come integratori per le ossa alle persone di età avanzata, affette da osteoporosi o che soffrono di carenza di calcio.

Dulcis in fundo, questi preziosi semi sono una ricca fonte naturale di vitamine. Tra queste troviamo la vitamina B, che è fondamentale per il metabolismo e per il buon funzionamento del sistema nervoso e dell’apparato muscolare.

I semi di papavero aiutano l’organismo ad assimilare meglio i grassi e le proteine e regolarizzano l’intestino grazie alle loro fibre. Inoltre contengono manganese e le vitamine C ed E, pertanto risultano dei potenti antiossidanti, che sono in grado di rallentare l’invecchiamento delle cellule, contrastando la formazione dei radicali liberi.

Controindicazioni

Diversi studi che sono stati effettuati sui semi di papavero, hanno puntato l’attenzione sulle sostanze alcaloidi che sono presenti al loro interno. Queste infatti sono sostanze molto simili all’oppio, pertanto la cosa potrebbe fare preoccupare qualcuno. In realtà il quantitativo di alcaloidi presenti nei semi di papavero, è molto basso e viene ulteriormente ridotto durante il loro processo di lavorazione; in poche parole si tratta di un elemento trascurabile.

Tuttavia, l’assunzione di semi di papavero viene sconsigliata ad alcune categorie di persone quali: le donne in stato interessante, i soggetti che soffrono di patologie respiratorie e i bambini.

Inoltre non bisogna trascurare il fatto che i semi di papavero sono oleosi e molto calorici, perciò è opportuno tenerne sempre sotto controllo il quantitativo di assunzione, specialmente se seguite una dieta alimentare ipocalorica.  

I semi di papavero sono facili da reperire e possono essere acquistati in erboristeria, nei negozi specializzati o sui siti online. Optate sempre per dei prodotti certificati da marchi affidabili e non lasciatevi trarre in inganno da confezioni poco convincenti, vendute a prezzi super vantaggiosi. Si tratta pur sempre della vostra salute e di integratori naturali che devono risultare di buona qualità se volete ottenere dei risultati soddisfacenti.

A ogni modo, prima di decidere di utilizzare questo tipo di semi, consultate il vostro medico di fiducia o un nutrizionista, onde evitare di andare incontro a eventuali intolleranze o allergie.

 

 

 

Come si usano i semi di papavero in cucina

 

Oltre che essere un toccasana per l’organismo, i semi di papavero possono essere impiegati in cucina per realizzare delle gustose ricette. Per esempio, possono essere utilizzati per decorare cracker, panini, grissini e salatini.

I semi di papavero vengono usati anche per elaborare delle torte deliziose, per guarnire delle pietanze salate o semplicemente per arricchire il sapore delle insalate. Vediamo insieme alcune leccornie che prevedono l’utilizzo di questo ingrediente.

Ricette con i semi di papavero

I semi di papavero possono essere impiegati per realizzare: pane, pizze, schiacciate, pretzel, strudel e altri prodotti da forno. Sono ottimi anche per insaporire le zuppe e le verdure oppure lo yogurt e il latte durante la colazione; insomma il loro utilizzo in cucina è davvero versatile.

Tra le altre preparazioni culinarie che è possibile fare con i semi di papavero, ricordiamo alcune torte salate, come  per esempio il ciambellone rustico ripieno di formaggio, zucchine, patate e carciofi; oppure lo sformato di pasta sfoglia farcito con pomodori, ricotta e semi di papavero.

Questi ultimi possono essere impiegati anche nella preparazione di primi piatti, in quanto riescono ad arricchire le pietanze più semplici, come per esempio i ravioli burro e salvia o la pasta con asparagi e noci.

I semi di papavero si abbinano bene anche ai piatti di pesce e di carne, infatti potete utilizzarli per insaporire le scaloppine, la tagliata di vitello o il pollo al limone.

Ebbene sì, “dulcis in fundo” anche i dessert vogliono la loro parte di semi di papavero, pertanto potete sfruttare questo ingrediente per rendere più gustose le vostre torte o le merende pomeridiane dei vostri ragazzi.

Se volete preparare una colazione speciale e profumata, potete realizzare una deliziosa ciambella al limone, con cocco e semi di papavero. In alternativa potreste preparare una crostata con fragole e ricotta o una torta al cioccolato, ovviamente aggiungendo sempre i semi di papavero.

Stare bene con i semi di papavero

Dopo aver visto come possono essere utilizzati in cucina i semi di papavero, vediamo quali benefici possono offrire all’organismo. Questi semini sono composti prevalentemente da acidi grassi polinsaturi omega 6, da carboidrati, da fibre e da proteine.

In pratica sono un vero toccasana per il cuore, in quanto riducono significativamente il livello di colesterolo cattivo e aiutano a produrre quello buono. Inoltre contengono papaverina, un blando oppiaceo che aiuta il corpo a rilassarsi e a trovare calma e serenità.

I semi di papavero sono ricchi di vitamine (soprattutto B, C ed E) e di sali minerali, che sono dei potenti antiossidanti, utili per combattere i radicali liberi e per rallentare l’invecchiamento cellulare.

In generale non hanno controindicazioni particolari ma bisogna fare attenzione a non mangiarne troppi, perché contengono molte calorie.

 

 

 

Domande frequenti

 

Dove si comprano i semi di papavero?

I semi di papavero si possono reperire facilmente al supermercato, solitamente nel reparto delle spezie. In alternativa possono essere acquistati in erboristeria, nei negozi specializzati o dedicati ai prodotti biologici. Diversamente potete comprarli su vari siti online.

Quanti grammi di semi di papavero al giorno si possono assumere?

I semi di papavero possono essere mangiati crudi dopo essere stati spellati oppure è possibile tostarli leggermente in forno prima di consumarli. Sono un ottimo snack, che può accompagnare un aperitivo e sono buoni anche da aggiungere nello yogurt o nel muesli durante la colazione.

Trattandosi di semi oleosi molto calorici, si consiglia di non superare la dose giornaliera di due cucchiai.

In pratica 100 g di semi di papavero contengono ben 19,5 g di fibre, che equivalgono al 51% della dose quotidiana raccomandata.

 

Come si possono conservare i semi di papavero?

I semi di papavero sono un alimento che deperisce abbastanza facilmente. Per preservarli in modo corretto e il più a lungo possibile, è necessario conservarli al buio in un luogo asciutto e lontano da fonti di calore. Il posto ideale sarebbe in un barattolo di vetro con chiusura ermetica, all’interno di una dispensa. Il tempo massimo di conservazione è di circa sei mesi.

 

A che cosa servono i semi di papavero?

I semi di papavero sono noti per il loro alto contenuto di calcio e di vitamine B, C ed E ma anche per le grandi proprietà sedative e calmanti che questi hanno sul sistema nervoso. Sono degli ottimi antiossidanti, infatti aiutano l’organismo a combattere la formazione dei radicali liberi e a rallentare l’invecchiamento delle cellule.

I semi di papavero sono utilizzati molto anche in cucina, soprattutto per dare maggiore sapore ai prodotti da forno e a varie pietanze. Infine sono considerati una fonte naturale ricca di proteine e di grassi polinsaturi omega 6. Aiutano a combattere il colesterolo cattivo e favoriscono la produzione di quello buono.

 

Che sapore hanno i semi di papavero?

Innanzitutto i semi di papavero sono facilmente riconoscibili grazie alla loro colorazione nera-bluastra. Il loro gusto è molto intenso e il sapore è simile a quello della nocciola, anche se quello dei semi di papavero risulta più forte e dolce. 

Grazie a queste proprietà aromatiche, i semi di papavero sono impiegati spesso nella realizzazione di tante ricette culinarie che includono: aperitivi, antipasti, primi piatti, secondi piatti e dolci. 

 

Si può curare l’insonnia con i semi di papavero?

I semi di papavero sono noti anche per le loro grandi proprietà sedative e calmanti, infatti se vengono assunti sotto forma di tisana, possono aiutare l’organismo a combattere gli stati d’ansia, di stress e anche l’insonnia. Inoltre possono essere utilizzati per ricavare un ottimo sedativo per calmare la tosse.

Preparare una tisana di semi di papavero è un’operazione molto semplice, è sufficiente prendere un pentolino, riempirlo d’acqua e portarla a bollitura. Una volta che l’acqua è pronta, prendete due cucchiai di semi di papavero e lasciateli in infusione per almeno cinque minuti; passato questo lasso di tempo filtrate la tisana e bevetela.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI