Domande frequenti sui semi di papavero

Ultimo aggiornamento: 30.01.23

 

Dove si comprano i semi di papavero?

I semi di papavero si possono reperire facilmente al supermercato, solitamente nel reparto delle spezie.

In alternativa possono essere acquistati in erboristeria, nei negozi specializzati o dedicati ai prodotti biologici. Diversamente potete comprarli su vari siti online.

Quanti grammi di semi di papavero al giorno si possono assumere?

I semi di papavero possono essere mangiati crudi dopo essere stati spellati oppure è possibile tostarli leggermente in forno prima di consumarli.

Sono un ottimo snack, che può accompagnare un aperitivo e sono buoni anche da aggiungere nello yogurt o nel muesli durante la colazione.

Trattandosi di semi oleosi molto calorici, si consiglia di non superare la dose giornaliera di due cucchiai.

In pratica 100 g di semi di papavero contengono ben 19,5 g di fibre, che equivalgono al 51% della dose quotidiana raccomandata.

 

Come si possono conservare i semi di papavero?

I semi di papavero sono un alimento che deperisce abbastanza facilmente. Per preservarli in modo corretto e il più a lungo possibile, è necessario conservarli al buio in un luogo asciutto e lontano da fonti di calore.

Il posto ideale sarebbe in un barattolo di vetro con chiusura ermetica, all’interno di una dispensa. Il tempo massimo di conservazione è di circa sei mesi.

 

A che cosa servono i semi di papavero?

I semi di papavero sono noti per il loro alto contenuto di calcio e di vitamine B, C ed E ma anche per le grandi proprietà sedative e calmanti che questi hanno sul sistema nervoso. Sono degli ottimi antiossidanti, infatti aiutano l’organismo a combattere la formazione dei radicali liberi e a rallentare l’invecchiamento delle cellule.

I semi di papavero sono utilizzati molto anche in cucina, soprattutto per dare maggiore sapore ai prodotti da forno e a varie pietanze.

Infine sono considerati una fonte naturale ricca di proteine e di grassi polinsaturi omega 6. Aiutano a combattere il colesterolo cattivo e favoriscono la produzione di quello buono.

 

Che sapore hanno i semi di papavero?

Innanzitutto i semi di papavero sono facilmente riconoscibili grazie alla loro colorazione nera-bluastra. Il loro gusto è molto intenso e il sapore è simile a quello della nocciola, anche se quello dei semi di papavero risulta più forte e dolce. 

Grazie a queste proprietà aromatiche, i semi di papavero sono impiegati spesso nella realizzazione di tante ricette culinarie che includono: aperitivi, antipasti, primi piatti, secondi piatti e dolci. 

 

Si può curare l’insonnia con i semi di papavero?

I semi di papavero sono noti anche per le loro grandi proprietà sedative e calmanti, infatti se vengono assunti sotto forma di tisana, possono aiutare l’organismo a combattere gli stati d’ansia, di stress e anche l’insonnia.

Inoltre possono essere utilizzati per ricavare un ottimo sedativo per calmare la tosse.

Preparare una tisana di semi di papavero è un’operazione molto semplice, è sufficiente prendere un pentolino, riempirlo d’acqua e portarla a bollitura.

Una volta che l’acqua è pronta, prendete due cucchiai di semi di papavero e lasciateli in infusione per almeno cinque minuti; passato questo lasso di tempo filtrate la tisana e bevetela.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI